Bonus internet, fino a 300 per le famiglie senza limiti di Isee: come ottenerlo

Le famiglie italiane potranno usufruire del cosiddetto bonus internet veloce, del valore di 300 euro, predisposto dalla società Infratel, gestità dal ministero dello sviluppo economico. Risulta utile, dunque, chiarire a chi spetta l’incentivo e come ottenerlo.

Bonus internet veloce di 300 euro: a chi spetta e come ottenerlo

L’obiettivo del Piano è quello di promuovere e incentivare la domanda di servizi di connettività a banda ultralarga (NGA e VHCN) in tutte le aree del Paese, allo scopo di ampliare il numero di famiglie che usufruiscono di servizi digitali utilizzando reti ad alta velocità ad almeno 30 Mbit/s.

In primo luogo la società ha lanciato sul proprio sito web una consultazione pubblica consentendo a chiunque di “inviare commenti e osservazioni sui quesiti inseriti nel Piano, entro il 31 maggio 2022, all’indirizzo e-mail voucher@infratelitalia.it”.

Una volta terminata la consultazione, il programma sarà presentato e notificato alla Commissione Europea. L’idea di base è quella di erogare un voucher del valore di 300 euro, fino a 24 mesi, per consentire alle famiglie italiane di attivare un servizio internet di almeno 30 Mpbs di velocità massima in download. Sarà applicato sotto forma di sconto dall’operatore quando si procede all’attivazione della linea oppure scalato dall’abbonamento mensile.

Bonus 200 euro per pensionati e lavoratori: quando arriva

L’incentivo non sarà legato al reddito: non bisogna rispettare alcun limite Isee per ottenerlo. Possono, dunque, beneficiarne tutte le famiglie italiane con servizi di connettività scarsi o totalmente assenti. Coloro che dispongono già di un contratto attivo ad almeno 30 Mbps di velocità massima in download sono esclusi dall’erogazione del voucher. Non è previsto alcun obbligo per i beneficiari di rimanere legati al contratto che si sottoscrive per usufruire del bonus.

Non prevedendo limitazioni legate all’Isee, per richiedere il voucher non bisogna presentare alcuna domanda. Sarà riconosciuto e scalato direttamente dall’operatore che stipula il contratto o dall’abbonamento che viene attivato, fino ad una durata di 24 mesi.

Potrebbe anche interessarti