Bonus 200 euro, non sarà automatico per i lavoratori: l’autocertificazione per ottenerlo

In attesa dell’erogazione del bonus di 200 euro, lanciato dal Governo Draghi, la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, attraverso un report firmato da Giuseppe Buscema e Carlo Cavalleri, ha evidenziato la necessità, per i lavoratori dipendenti, di compilare un’apposita autocertificazione per ottenere l’incentivo allegandone un fac-simile.

Bonus 200 euro: l’autocertificazione per ottenerlo

Per i lavoratori dipendenti l’importo sarebbe dovuto essere erogato direttamente in busta paga ma la Fondazione, citando l’articolo 31 del decreto Aiuti, ha spiegato che non sarà esattamente così. Nel testo normativo, infatti, si legge: “Tale indennità è riconosciuta in via automatica dal datore di lavoro nel cedolino di luglio previa dichiarazione del lavoratore di non essere titolare delle prestazioni di cui all’articolo 32 commi 1 e 18″.

Nello specifico, il lavoratore dovrà presentare una dichiarazione al proprio datore di lavoro per confermare di non aver ricevuto già il bonus non essendo percettore di Reddito di Cittadinanza o trattamenti pensionistici, né di averne già usufruito in veste di lavoratore. L’incentivo, infatti, spetta una sola volta anche in presenza di più rapporti di lavoro.

A tal proposito la Fondazione ha predisposto un’autocertificazione già strutturata che può essere scaricata e compilata. Il modulo dovrà contenere dati anagrafici, codice fiscale, nome del datore di lavoro e conferma dei requisiti necessari. Il richiedente dovrà dichiarare di avere un reddito inferiore ai 35 mila euro lordi, di aver beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% nel primo quadrimestre del 2022, di non essere beneficiario di Reddito di Cittadinanza o pensione in quanto in quel caso sarebbe l’Inps ad erogare il bonus e non il titolare. Infine dovrà confermare di non aver percepito già l’incentivo dei 200 euro con altri datori di lavoro.

Il modulo dovrà essere presentato al titolare dell’azienda soltanto dai lavoratori dipendenti. Pensionati, percettori di Reddito di Cittadinanza e disoccupati non dovranno compilare alcuna autocertificazione: questi ultimi, infatti, riceveranno i 200 euro tramite l’Inps in maniera automatica.

autocertificazione-bonus-200

Potrebbe anche interessarti