Spara al politico, il gioco che impazza sul web. Ora cosa diranno gli interessati?

spara al politico
foto dagospia

Apprendiamo in diretta dalla trasmissione In onda su La 7, che esiste uno strano tiro al bersaglio. Siamo stati abituati a vedere banchetti, attrezzati anche in fretta, di tiro al bersaglio, sia con armi ad hoc, pistole e fucili in primis, sia con la tradizionale palla. Ci sono in ogni festa rionale e la maggior parte di noi ci avrà giocato, almeno una volta nella vita. Il premio per chi avrà avuto la mira da cecchino sovente è il peluche, che vede aumentare le sue dimensioni a seconda di quanti target sono stati abbattuti. Fin qui nulla di strano, nè di nuovo.

Tra gli invitati in trasmissione (politici e giornalisti) ed i conduttori ciò che ha destato scalpore sono gli obiettivi del tiro al bersaglio, ovvero i politici. Avete letto bene: chi partecipa a questo gioco ha l’obiettivo di abbattere quanti più “politici”. Questo banchetto si trova presso il luna park di Tarquinia, Roma. Le armi a disposizione erano pistole e fucili. Un caso che farà parlare di sè. Semplice trovata per attirare più giocatori o segno del malessere della popolazione verso una classe politica tra le peggiori in Europa?

Sta di fatto che durante le riprese in diretta le raffigurazioni dei politici sono state tolte dai target ed in seguito l’inviata è stata malmenata ed invitata ad andarsene. Al luna park tutti possono “sparare ai politici” ma per i gestori è meglio non farlo sapere ai più..

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più