Di Maio: “Non è immaginabile chiudere i porti ad una nave italiana”

Non è immaginabile che noi chiudiamo i porti ad una nave italiana, ma condivido tutte le perplessità di quanto accade nel Mediterraneo“. Così ha parlato questa mattina Luigi Di Maio ad Omnibus su La7, in merito alla decisione del governo far sbarcare sul suolo italiano la nave della Guardia Costiera che trasportava a bordo 66 migranti.

Un episodio che ha creato frizione tra il ministro dei trasporti Danilo Toninelli e Matteo Salvini, che persegue sulla linea dura dei porti chiusi. In merito a questa vicenda ha parlato anche Di Maio, che di fatto non segue la posizione di Salvini, spiegando che i porti vanno chiusi ”per le Ong che non rispettano le regole”.

Secondo Di Maio bisogna seguire “un ragionamento logico: prima viene la guardia libica e poi interveniamo noi con la missione europea, ma visto che è europea i migranti vanno portati in tutti i porti europei“. Il vicepremier ha poi parlato della possibilità, per l’Italia, di uscire dall’Euro. Ipotesi alla quale il governo “non sta lavorando. Non possiamo immaginarlo nemmeno per un attimo“.

Potrebbe anche interessarti