Veltroni: “La sinistra? Smettano di fare i maestrini. Ha sbagliato coi 5 Stelle”

Walter Veltroni, ex premier ed ex sindaco di Roma, da sempre punto di riferimento del Centro Sinistra, ha espresso le sue preoccupazioni sulla situazione politica italiana. Inizialmente ha criticato il suo stesso PD, accusandolo di aver preso sotto gamba il Movimento 5 Stelle: “Nei confronti dei cinquestelle la sinistra ha compiutogravi errori. Ha cambiato mille volte atteggiamento, ha demonizzato e cercato alleanze organiche o viceversa, senza capire che molti di quei voti sono di elettori di sinistra”.

Poi infierisce: “Molti dei sei milioni di cittadini che avevano votato per il Pd nel 2008 hanno finito con lo scegliere i pentastellati o sono restati a casa. Molti di quegli elettori oggi sono certamente in sofferenza per il dominio della Lega sul governo e ad essi, e a chi non ha votato, senza spocchia da maestrino, la sinistra deve rivolgersi”.

Poi Veltroni ha attaccato la Destra Estrema che sta prendendo sempre più piede nel paese e nel cuore degli italiani: “la mia angoscia, – riporta Il Fatto Quotidiano – l’angoscia di un uomo che ha dedicato tutta la sua vita a ideali di democrazia e progresso, è che non si abbia la percezione di quello che sta accadendo. Che non ci si accorga che parole un tempo impronunciabili stanno diventando normali”.

“Populista è farle un favore. – continua Veltroni – Chiamiamo le cose con il loro nome. Chi sostiene il sovranismo in unasocietà globale, chi postula una società chiusa, chi si fa beffe del pensiero degli altri e lo demonizza, chi anima spiriti guerrieri contro ogni minoranza, chi mette in discussione il valore dellademocrazia rappresentativa, altro non fa che dare voce alle ragioni storiche della destra più estrema. Altro che populismo. Qualcosa di molto più pericoloso.”

Per l’ex segretario del PD l’unica salvezza per il paese è che la sinistra torni ad avere l’importanza che merita: “Più la democrazia decide, più resterà la democrazia. Meno decide e più sarà esposta alla pantomima di questa estate allucinante, con un governo che le spara grosse su tutto. Che arriva a sequestrare unanave militare italiana in un porto italiano, a giocare spregiudicatamente la vita di esseri umani per qualche voto esacerbato. Che minaccia l’Europa con un misto di arroganza e incompetenza. Che annuncia cose che non può fare, non sa fare, non farà. La fine della democrazia è sempre possibile, – conclude – anche in forme storicamente inedite.”

Potrebbe anche interessarti