Querelata per odio razziale: nominata Presidente della Commissione Diritti Umani

Stefania Pucciarelli, senatrice della Lega Nord, è stata nominata oggi Presidente della Commissione Diritti Umani a Palazzo Madama. La parlamentare è famosa per aver ricevuto una querela per istigazione all’odio razziale, grazie a un like messo su Facebook. Ma ricostruiamo quanto accaduto.

Era il 2017 quando, sotto a un post sulla pagina Facebook ufficiale di Stefania Pucciarelli, veniva scritto il commento “vogliono la casa popolare, un forno gli darei”, diretto ai migranti. A quel commento la Pucciarelli mise il like, togliendolo successivamente ma quando ormai si era già scatenato il putiferio. In base a quel like scattò la querela, accusata di aver diffuso idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi e/o per chi, in qualsiasi modo, istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”. Pochi giorni fa, invece, sempre su Facebook inneggiava alle ruspe per lo sgombero di un campo rom.

Date queste premesse, nessuno si sarebbe aspettato che sarebbe stata premiata con la nomina a Presidente della Commissione Diritti Umani, eppure la sorpresa è arrivata. I voti decisivi sono giunti da Lega Nord e Movimento 5 Stelle.

Il suo partito commenta affermando che Stefania Pucciarelli è dotata di “uno spiccato senso di responsabilità” e una “comprovata esperienza politica” in virtù della quale “saprà attendere ai compiti cui è chiamata dedicandosi con imparzialità, rispetto istituzionale e grande attenzione verso una tematica trasversale e di fondamentale importanza per la convivenza civile delle moderne democrazie”.

Potrebbe anche interessarti