Salvini taglia le scorte: “Tuteleremo chi è davvero a rischio”. Che accadrà a Saviano?

Arrivano i tagli alle scorte. Matteo Salvini aveva già annunciato che stava rivedendo i criteri per le scorte in una diretta pubblicata su Facebook il 29 maggio in cui mandava il solito bacione provocatorio a Roberto Saviano. Alla luce di tali nuove direttive, si vedrà cosa ne sarà dell’autore di Gomorra: la polemica con lo scrittore non è mai finita e il leader leghista lo ha accusato più volte di usufruire ingiustamente della scorta.

Il Ministro dell’Interno ha infatti firmato l’ordinanza per la revisione del sistema. In un anno vi saranno 49 dispositivi in meno con 203 agenti assegnati ad altri servizi, con conseguente riduzione delle auto blindate.

“Tuteleremo solo chi è davvero a rischio. L’obiettivo è rendere più efficiente il servizio”, spiega Matteo Salvini.

Il provvedimento, spiega il Viminale, mira a razionalizzare le misure di protezione esistenti e a fornire criteri più stringenti per un’analisi rigorosa delle situazioni che richiedono le tutele personali.

Il 1 giugno 2018, ricorda il Viminale, le misure per le tutele personali ammontavano a 618, con l’impiego di 2.218 donne e uomini delle forze di polizia, oltre a circa 230 agenti utilizzati per le cosiddette vigilanze fisse ad abitazioni e luoghi di lavoro. Le auto blindate fornite erano 434 e 266 le vetture non specializzate.

Il 1 giugno 2019, dopo esattamente un anno “all’esito di un primo intervento che ha portato ad una razionalizzazione dell’esistente, le misure di sicurezza sono state 569, con un calo di circa il 9% del numero di agenti utilizzati sia per le scorte personali che per le vigilanze fisse. Per l’esattezza 2.015 le unità delle forze di polizia impiegate (203 in meno rispetto a dodici mesi prima), oltre a 211 per le vigilanze fisse, 404 le vetture blindate e 234 le non specializzate”.

“Siamo impegnati per garantire la massima tutela per chi è davvero a rischio, ma siamo determinati a recuperare centinaia di donne e uomini delle Forze dell’Ordine per assicurare la sicurezza a tutti gli altri cittadini” afferma poi Salvini su Facebook.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più