SMCV, le associazioni spronano Mirra sui buoni spesa: “I bisogni non attendono lentezze”

Bonus spesa Covid-19Le associazioni sammaritane “Futuro 2030”, “Passione civica”, “Adotta’ la Città”, “Fermiamo il degrado ambientale”, Movimento “S.U.D. per l’Italia”, “Movimento Civico Sammaritano”, “Santa Maria Bene Comune”, si vedono costrette ancora una volta a sottolineare i ritardi dell’amministrazione comunale nell’erogazioni di servizi essenziali per i cittadini.

Ci riferiamo, in particolare, alla distribuzione dei buoni spesa previsti dal Decreto Ristori ter, con il quale il Governo ha voluto sostenere le famiglie in difficoltà in questa delicata fase legata alla pandemia. Nel comune di Santa Maria Capua Vetere, destinatario dell’ingente somma di oltre 250 mila euro, non risulta ancora emanato il bando per l’accesso ai contributi, mentre analoghe procedure sono state già avviate in altri comuni grandi e piccoli, come Caserta, Casagiove, Bellona, Vitulazio solo per citare qualche esempio. Numerose famiglie in difficoltà ci hanno chiesto di spronare l’amministrazione comunale ad intervenire con urgenza per attivare le procedure di loro esclusiva competenza. I bisogni alimentari non possono attendere le lentezze burocratiche perché a pagare sono, ancora una volta, le fasce più deboli della popolazione.

Potrebbe anche interessarti