Renzi apre la crisi di Governo, si dimettono le ministre Bellanova e Bonetti

matteo renziMatteo Renzi annuncia ufficialmente le dimissioni delle ministre Bellanova e Bonetti, oltre che del segretario Scalfarotto, dando così in via ad una crisi di Governo che porterà ad un rimpasto oppure – meno probabilmente – a nuove elezioni. Il nome di Giuseppe Conte non è ad ogni modo pregiudiziale per Renzi, che non chiude ad un’alleanza con altre formule. L’unica pregiudiziale è l’alleanza con “la destra populista e antieuropeista”. A questo punto si aprirà, dunque, una fase di dialogo per constatare se ci sono i presupposti per la formazione di un nuovo Governo o meno.

Renzi contro Conte: “È un vulnus per la democrazia”

Il leader di Italia Viva ha parlato in conferenza stampa, criticando il governo ed in particolare il presidente Giuseppe Conte, ricordando il modo in cui è nato questo esecutivo: in contrapposizione a Salvini che chiedeva pieni poteri. In oltre un anno, tuttavia, secondo Renzi il Governo non avrebbe fatto altro che assumere l’atteggiamento che rivendicava Salvini governando attraverso i Dpcm. In tal modo Conte sarebbe un pericolo per la democrazia: “La democrazia ha delle forme e se le forme non vengono rispettate, allora qualcuno deve avere il coraggio anche per gli altri per dire che il Re è nudo. Non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri. Questo significa che l’abitudine di governare con i decreti legge che si trasformano in altri decreti legge, l’utilizzo dei messaggi a reti unificate, la spettacolarizzazione della liberazione dei nostri connazionali, rappresentano per noi un vulnus alle regole del gioco. Chiediamo di rispettare le regole democratiche”.

Altro nodo è il Mes, cui il Movimento 5 Stelle vuole rinunciare “per ideologia”, secondo Matteo Renzi. A suo avviso si tratta di soldi cui non si dovrebbe rinunciare per investirli nella Sanità pubblica. Egli, ad ogni modo, annuncia il proprio appoggio a iniziative legislative che ritenga valide, come il voto favorevole allo scostamento di bilancio e ai ristori.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più