Caivano, nasce il Comitato di Liberazione dalla Camorra: Napoli Nord unita contro la criminalità

Oggi è un giorno importante per Napoli: alle ore 18, presso la Chiesa di San Paolo Apostolo del Parco Verde di Caivano, si è costituito il Comitato di liberazione dalla camorra dell’Area Nord di Napoli.

Il comitato ha visto l’unione di realtà diverse dell’area Nord di Napoli. Chiese, associazioni di volontariato, professionisti, rappresentanti istituzionali, semplici cittadini hanno deciso di costruire una nuova esperienza comune: coordinarsi in un Comitato per liberare i territori dalla cappa oppressiva della criminalità organizzata.

La nascita del Comitato di liberazione della camorra arriva in un momento storico in cui la piaga della criminalità sta distruggendo tante, troppe vite. Basti pensare alla recente vicenda dell’omicidio di Antonio Natale, ucciso barbaramente a soli 22 anni per cause ancora da accertare. Obiettivo del comitato sarà elaborare una serie di misure da rivendicare sul terreno della repressione dei crimini, ma che siano anche volte a ridurre le diseguaglianze sociali.

Afragola, Arzano, Caivano, Casalnuovo, Casandrino, Casoria, Frattamaggiore, Melito non bisogna più considerarli i Comuni dell’hinterland di Napoli. Fanno parte e sono il corpo centrale della Città metropolitana di Napoli“, si legge sulla pagina del Comitato. “L’area Nord di Napoli è Italia, è Europa. Qui accade che spesso la democrazia è sospesa“.

A prendere parte all’iniziativa c’era anche Padre Maurizio Patriciello, da sempre in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata, che ha pubblicato il seguente annuncio sul suo profilo Facebook: “È nato, questa sera, nella parrocchia San Paolo Apostolo al Parco Verde in Caivano, il Coordinamento di liberazione dalla camorra- Area nord di Napoli“.

Potrebbe anche interessarti