Video. Spettacolo a Castellammare, varo della nave Trieste: la più grande dal dopoguerra

Castellammare di Stabia – Spettacolo ieri mattina nel primo cantiere navale del Mediterraneo, inaugurato nel lontano 1783 da re Ferdinando di Borbone. Ieri mattina, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è avvenuto il varo della nave Trieste, la più moderna unità della Marina Militare.

Si tratta della portaerei più grande costruita in Italia dal dopoguerra. Un vero motivo di orgoglio e vanto, l’ennesimo primato per i cantieri navali di Castellammare che a oltre 200 anni di età continuano a fare la storia.

Oltre a Mattarella, sul posto di era anche il vicepremier Luigi Di Maio, applaudito dagli operai che hanno materialmente costruito la nave. La speranza è che questo ennesimo eccellente risultato possa essere stimolo ulteriore per la definitiva ripresa del cantiere, risorsa economica e lavorativa essenziale per Castellammare. Emblematico, in tal senso, l’intervento del sindaco Gaetano Cimmino:

“Un orgoglio per me aver partecipato da sindaco alla cerimonia accanto alle più alte cariche istituzionali del nostro Paese, un orgoglio che va di pari passo con la responsabilità di essere protagonista nel percorso di rinascita del cantiere di Castellammare.

Continueremo a batterci per rivendicare il ruolo strategico del cantiere stabiese, il più importante complesso industriale del Meridione, e per dare seguito ai segnali positivi che abbiamo recepito da tutte le istituzioni preposte al rilancio del cantiere, al primo posto in Italia per produttività e qualità delle maestranze.

In una giornata così importante, non posso fare a meno di pensare al mio amico Lello Radice. Il suo entusiasmo e i suoi insegnamenti saranno una guida costante per andare avanti e vivere da protagonisti tante altre giornate così speciali, tanti altri momenti che ci renderanno orgogliosi di essere stabiesi”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più