Castellammare, Cimmino lascia chiuse le scuole superiori: “Non ho informazioni sui contagi”

Castellammare di Stabia Il sindaco Gaetano Cimmino annuncia misure più restrittive in città al fine di arginare i contagi da coronavirus. Nello specifico, saranno le scuole superiori a non aprire, accogliendo dunque le richieste degli studenti dell’istituto Enzo Ferrari che nei giorni scorsi hanno manifestato davanti a Palazzo Santa Lucia chiedendo risposte e sicurezza. Diversi le criticità segnalate dai ragazzi: classi sovraffollate, assenza di riscaldamenti (le finestre devono restare aperte causa covid), trasporto pubblico.

Non solo: Cimmino lamenta di non aver ricevuto informazioni circa l’andamento dei contagi a Castellammare, dunque in qualità massima autorità sanitaria cittadina, per proteggere la salute pubblica, afferma di non poter attualmente consentire la totale riapertura delle scuole.

In assenza di informazioni precise sulla diffusione del contagio in città, scatteranno misure più restrittive. Ho incontrato stamattina una delegazione di studenti delle scuole secondarie di II grado di Castellammare di Stabia, preoccupati per la ripresa imminente della didattica in presenza, a fronte della difficoltà nell’evitare assembramenti sia nelle aree di ingresso e uscita degli studenti sia nei mezzi pubblici“.

“A loro ho spiegato di aver inviato una lettera al direttore generale dell’Asl Napoli3 Sud Gennaro Sosto, al ministro della Salute Roberto Speranza e al governatore Vincenzo De Luca, per chiedere l’invio urgente dell’indice Rt del contagio a Castellammare e un aggiornamento sull’attuale numero dei positivi al Covid-19 in città, come avevamo già ripetutamente richiesto nelle scorse settimane”.

“Tale informazione è necessaria per consentirmi, in qualità di massima Autorità Sanitaria cittadina, di valutare la disposizione di un’opportuna ordinanza, al fine di tutelare la pubblica e privata incolumità e la salute dei miei cittadini, con particolare riferimento alle modalità per la ripresa della didattica in presenza. Non posso permettere che i cittadini, e soprattutto la platea scolastica, siano esposti a rischi per la salute“.

In assenza di informazioni precise sulla diffusione del contagio in città, scatteranno misure più restrittive. Ho…

Pubblicato da Gaetano Cimmino su Mercoledì 27 gennaio 2021

Potrebbe anche interessarti