DeMa: “Napoli libera dai rifiuti. Vogliono affamare i napoletani, li distruggeremo”

De Magistris

Come ogni lunedì, il sindaco Luigi de Magistris ha condiviso un lungo post sulla sua pagina Facebook. Uno dei tanti messaggi con il quale il sindaco denuncia la volontà di certi “poteri forti” di bloccare la crescita economica, culturale e sociale di Napoli. Vogliono “metterla in ginocchio“, dice de Ma, “fermare la rinascita della città“.

Quindi, il sindaco passa in rassegna gli obiettivi raggiunti dalla sua amministrazione: “La città si è liberata, in questi anni, del rapporto tra camorra, corruzione e politica, la città si è liberata dei rifiuti, la città ha liberato enormi energie vitali tanto da essere oggi la città più vulcanica d’Italia per talenti e cultura“.

Lo Stato, però, accusa ancora una volta de Magistris, continua a mettere i bastoni tra le ruote alla crescita della città: “Ci sommergono di debiti dello Stato risalenti al terremoto del 1980 ed all’emergenza rifiuti da noi cancellata, ed invece di risarcire la città ci bloccano ogni azione. Resistiamo assediati. Ma che senso hanno le elezioni popolari, la democrazia, le autonomie locali, se ad un sindaco, democraticamente eletto, viene impedito, in violazione della Costituzione, di esercitare il proprio mandato?“.

De Magistris spiega qual è l’obiettivo dei cosiddetti “nemici della città“, ovvero quello di “far piombare la città nel caos, vogliono affamare il popolo napoletano, distruggere i diritti dei cittadini, in nome del pensiero liberista/monetarista dove contano solo i numeri“. Quindi, il sindaco lancia la sfida: “Voi ci volete impedire di dare i servizi ai cittadini e ci vorreste domi al dogma del liberismo carnivoro, noi non ci piegheremo mai. Lotteremo da combattenti e con il diritto costituzionale e la forza di un popolo maturo e liberato distruggeremo con la democrazia i nemici di Napoli“.

Di seguito, il post:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più