Debito di Napoli, Report: “Il piano di deMa è un flop”. Ma lui: “Non andremo in dissesto”

Ieri sera è andata in onda l’ultima puntata di Report, programma di approfondimento giornalistico di Rai 3. Tema centrale della puntata, i debiti dei principali comuni d’Italia. Si è parlato nello specifico anche di Napoli che, con i suoi 2,5 miliardi di debiti, rischia seriamente di andare in dissesto. Non se la passa meglio Torino, che con i suoi oltre 4 miliardi di rosso è il Comune più indebitato d’Italia.

Report ha quindi deciso di dare voce ai sindaci di questi Comuni, offrendo loro la possibilità di spiegare in che modo intendano uscire da questa situazione emergenziale. Ha parlato anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che, nel corso dell’intervista, ha ribadito come “la città non andrà mai in dissesto“.

Al di là delle promesse, restano però alcune criticità. Dagli 800 milioni del 2012, il debito del Comune di Napoli è arrivato a 2,5 miliardi. Com’è possibile? Nel servizio Report spiega come sia stata un autentico flop la lotta all’evasione, che ha visto l’amministrazione partenopea riscuotere appena 150 euro nel 2017. Al di sotto delle aspettative anche la messa in vendita del patrimonio immobiliare del Comune, che prevedere di riscuotere, nel tempo, circa 700 milioni di euro. Cifre che, dal 2015 in poi, sono state smentite dalla Corte dei Conti e dalle entrate effettive. Flop anche la messa in affitto degli immobili, dove il Comune continua a perdere milioni di euro.

Nel servizio, poi, si fa riferimento anche alle lotte del sindaco de Magistris contro il debito ingiusto, parte del quale risale al terremoto dell’Irpinia. “La Corte dei Conti non è il padreterno – spiega il sindaco – forse non si sono mai messi su questa sedia. Fin quando sarò sindaco, il Comune di Napoli non andrà in dissesto“. Il primo cittadino, alla luce degli scarsi risultati ottenuti in questi anni, non spiega però come.

Di seguito, il video ed il LINK al servizio completo di Report.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più