Anna morta per un mal di pancia: indagati due medici che l’hanno visitata

Vi sono dei risvolti sulla tragica vicenda che ha colpito una donna di 36 anni che il 18 gennaio è morta a causa di un “mal di pancia”.

La donna, Anna Siena, si era recata il 15 gennaio presso il pronto soccorso del Vecchio Pellegrini, dicendo ai medici di presentare un forte mal di pancia.

Dopo due ore di attesa, i medici la visitano e stando all’esposto, un primo medico le avrebbe diagnosticato una colica renale, mentre una sua collega si sarebbe poi assunta la responsabilità di dimetterla per una lombosciatalgia diagnosticata in modo alquanto sbrigativo, prescrivendole poi antidolorifici e antinfiammatori. Successivamente però le condizioni della donna si sono aggravate, provocandole un arresto cardiaco.

La donna è deceduta nel reparto di rianimazione dello stesso ospedale il venerdì mattina. Due sono i medici indagati per la morte di Anna la cui accusa è quella di Omicidio colposo.

Domani mattina alle ore 14 al Palazzo di giustizia saranno presenti oltre alla famiglia della vittima, anche i due indagati che avranno modo di nominare i propri consulenti, per dimostrare la loro innocenza. A renderlo noto è Il Mattino.

Di tali indagati, che hanno visitato la donna nel corso del primo accesso in ospedale, ci vengono fornite solo le iniziali dei nomi e dei cognomi, ovvero, R.F.N e C.V.

I familiari della donna deceduta saranno rappresentati dagli avvocati Angelo e Sergio Pisani, che vogliono fare chiarezza in merito a quanto avvenuto in ospedale.

Potrebbe anche interessarti