Rapina e sequestro di persona a Posillipo: rubati 200.000 euro tra gioielli e contanti

rapina

Una rapina, studiata fin nei minimi dettagli, è stata messa a segno da 3 uomini, poco dopo le otto della sera. A riportare la notizia è il mattino.it

I ladri avevano puntato una famiglia di professionisti che vivono in un condominio di via Villanova nel quartiere residenziale Posillipo di Napoli.

Coperti da un passamontagna, hanno fatto irruzione in casa, trovandovi una 33enne georgiana che lavora come colf per la famiglia.

La donna, messa in ostaggio, è stata legata mani e piedi ad una sedia con dei cavi di fili elettrici e minacciata dai banditi che, a quel punto, hanno fatto razzia di tutti i valori e i beni presenti nell’abitazione, lasciando la donna legata sul terrazzo di casa.

È certo che i malviventi sapevano dove e quando colpire. Conoscevano le abitudini dei coniugi e sapevano che quel giorno sarebbero partiti per Foggia, diretti ad un funerale fuori regione.

La rapina ammonterebbe a circa 200mila euro tra contanti, gioielli e altri beni custoditi in casa. L’ipotesi più probabile è che gli uomini avrebbero agito grazie a soffiate e informazioni di qualcuno che conosceva il contenuto di quella casa e soprattutto la trasferta fuori città della coppia.

A soccorrere la colf sono stati i poliziotti del commissariato Posillipo, dopo l’allarme dato dagli stessi proprietari, i quali hanno scoperto tutto solo una volta rientrati a casa.

Infatti, sono stati proprio loro ad insospettirsi quando la chiave non riusciva ad aprire la porta di casa, considerando anche che nell’appartamento era presente la collaboratrice domestica.

La cameriera georgiana, in stato di choc, è stata poi trasportata all’ospedale Fatebenefratelli per le escoriazioni riportate ai polsi e alle caviglie dovute ai fili elettrici.

Si spera, inoltre, che si possa fare luce sul caso anche grazie agli impianti dei sistemi privati di videosorveglianza di alcuni palazzi della zona.

Potrebbe anche interessarti