Violenza di genere, Campania terza regione per casi: cosa sta succedendo a Napoli

A Barra, nella periferia di Napoli, pochi giorni fa è venuto alla luce un caso di violenza di genere molto grave: una donna è stata aggredita dal suo compagno davanti ai loro figli perché non avrebbe pulito bene casa, a detta dell’uomo, che poi è stato arrestato. Pare che queste violenze continuassero già da anni, anche quando la donna era incinta, fatto confermato anche dai familiari e dai figli.

Questo è solo uno dei molteplici casi di violenza domestica dell’ultimo periodo. Allarmanti, infatti, sono i dati dello scorso anno riguardanti maltrattamenti e femminicidi in Italia: durante la pandemia di Covid-19, secondo l’Istat, le richieste di aiuto ai centri antiviolenza sono aumentate del 73% rispetto all’anno precedente e, per quanto siano diminuiti gli omicidi volontari, il numero di vittime di sesso femminile è salito, passando da 56 nel 2019 a 59 nel 2020. Le cause che di solito spingono gli uomini a muovere violenza, sia fisica che psicologica, contro le compagne sono le più disparate: gelosia, possessività, non accettazione di una storia finita.

Per quanto riguarda la Campania, terza regione per numero di casi, nella provincia di Napoli lo Sportello rosa ha registrato il 24% in più di aggressioni, soprattutto casi di stalking e di violenza domestica. I carabinieri del napoletano hanno condiviso una locandina nella Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, celebrata il 25 novembre, per spingere le donne vittime di abusi a denunciare.

Una delle donne che ha deciso di denunciare proprio a novembre del 2020 è Caterina Stellato, di Casandrino, in provincia di Napoli. La donna è riuscita a salvare se stessa e i suoi figli dal compagno violento, che ha comunque eluso le restrizioni e ha tentato, in ultimo, di irrompere in casa dei genitori di lei con l’intento di vendicarsi. Ad oggi, Caterina vive nel terrore per paura che il suo compagno, una volta uscito di galera -ad aprile-, possa ucciderla e si sta creando una rete di visibilità e supporto per evitare che succeda il peggio.

Caterina Stellato. Foto: screenshot da video di Corriere TV

Dunque, sorge spontanea una domanda: per quanto siano difficili da gestire casi come questi, quanto vale la denuncia di una donna che subisce maltrattamenti, se l’oppressore dopo poco tempo sarà libero di abusarne di nuovo?

Potrebbe anche interessarti