Il 3 luglio 2021 torna a Napoli il Pride: 25 anni dopo il primo storico al Sud

Napoli – il 3 luglio 2021 ci sarà il Pride. Si avvicina giugno – il mese del Predi in tutto il Mondo – e la lotta per i diritti della comunità LGBTQ+ italiana continua. Il DDL Zan non è ancora stato approvato al Senato ma l’opinione pubblica, a parte gli oppositori, spingono fortemente per questo ulteriore passo verso la civiltà. Eppure ci sono ancora tante persone che parlano di “dittatura arcobaleno” perché con questa legge si impedirebbero discriminazioni legate all’omofobia, come se discriminare qualcuno per il proprio orientamento sessuale fosse un diritto inalienabile.

Per questo motivo in tutta Italia a giugno (e non solo) partiranno i Pride in ogni grande città, Roma la data fissata è quella del 26 giugno mentre a Napoli toccherà una settimana dopo, il 3 luglio 2021. Quest’anno, oltre alle varie lotte da portare avanti, sarà celebrato anche il 25esimo anniversario dal primo Gay Pride del Sud Italia, tenutosi proprio a Napoli il 29 giugno del 1996.

“‘Jesce Sole’ era lo slogan con il quale il 29 giugno del 1996 veniva convocato il primo Pride nazionale di Napoli, la prima manifestazione dell’orgoglio LGBT+ nel sud Italia. Per questo, – nel pieno rispetto di quelle che saranno le vigenti normative sanitarie e di sicurezza – sabato 3 luglio 2021 le associazioni Antinoo Arcigay Napoli, ALFI Le maree e Associazione Trans Napoli saranno in piazza per il Napoli Pride, 25 anni dopo quel primo e storico Pride del ‘96. Jesce, Jesce sole, ancora una volta a riportare il sereno e la gioia” – scrive su Facebook la pagina ufficiale dell’evento.

In questi giorni sono diverse le giornate da ricordare, giornate importante per la lotta dei diritti arcobaleno. L’11 maggio di 5 anni fa alla Camera veniva approvata la legge sulle unioni civili, il DDL Cirinnà. Tra qualche giorno invece, il 17 maggio sarà la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. Ancora troppi infatti sono le violenze legate all’odio delle persone che semplicemente amano qualcuno dello stesso sesso ed è arrivato il momento di mettere un freno a queste discriminazioni.

Potrebbe anche interessarti