Napoli, i bambini adottano la strada e costruiscono bidoncini di plastica riciclata

bidoncini-materiale-ricicloA Napoli l’esempio lo dànno i più piccoli. I giovani di Figli in Famiglia Onlus hanno adottato la strada dove si trova la sede della loro Oasi, via Ferrante Imparato a San Giovanni a Teduccio, liberandola dai rifiuti e sensibilizzando i commercianti della zona ad aiutarli nel tenere la via in uno stato decoroso. La Scugnizzi Tribe, così hanno soprannominato sé stessi, ha inoltre installato dei bidoncini fatti di materiale riciclato in modo che le persone possano usarli per gettare i rifiuti.

Via Ferrante Imparato è una zona dove si verifica il fenomeno dell’abbandono di rifiuti, specialmente in prossimità dei cassonetti, a qualsiasi ora del giorno ed invadendo i marciapiedi. Una situazione critica era vissuta dalla Onlus proprio perché davanti all’ingresso della propria sede vi erano dei cassonetti e, perciò, cumuli di immondizia permanenti. Dopo due anni di richieste continue però è riuscita a farli rimuovere:

“Ce l’abbiamo fatta! Dopo due anni di pressioni vane – hanno scritto su Facebook –  stamattina finalmente sono stati spostati i cassonetti della spazzatura dal nostro ingresso. Ora i bimbi non dovranno più fare lo slalom nell’immondizia per entrare nell’Oasi. Adesso però tocca a noi: abbiamo deciso di pulire la strada e prendercene cura, abbellendola e curandola insieme ai piccoli. Grazie a tutti voi che ci avete sostenuto in questa battaglia molto importante”.

Impegno che è proseguito, appunto, con la sensibilizzazione e l’installazione dei bidoncini:

“Oggi abbiamo costruito il primo bidoncino fatto con materiale di riciclo. Presto tutti i negozianti ne avranno uno da esporre per provare a mantenere più pulito il quartiere. La nostra Scugnizzi Tribe continua il progetto di adozione della strada”.

I negozianti si occuperanno di sostituire i sacchetti una volta pieni: “È un piccolo passo per migliorare il nostro mondo, è un piccolo impegno che speriamo possa scuotere le coscienze, dei grandi e dei piccoli”.