La Turris batte anche il Catanzaro: calabresi stesi da una magia di Giannone

Torre del Greco – la Turris sfida il Catanzaro per continuare a sognare. I corallini (22 punti) le vertigini non le hanno e voglio continuare a respirare aria di alta classifica, togliendosi lo sfizio di battere anche il Catanzaro (23 punti). Gli uomini di mister Caneo cercano la terza vittoria consecutiva – striscia agguantata già una volta questa stagione – ma con diverse assenze. Contro si troverà la corazzata del Catanzaro, costruita quest’estate per contendere il posto in Serie B al Bari. Con un successo infatti i calabresi andrebbero a sole 4 lunghezze dalla capolista pugliese.

Nonostante l’orario e il giorno insolito, sono numerosi i tifosi corallini che hanno deciso di sostenere la propria squadra, grazie anche alle offerte e ai prezzi ridotti voluti dalla società.

Turris che ha dominato l’intera partita, mostrando non solo un bel gioco ma creando numerosissime occasioni di gol, inizialmente non sfruttate ma poi concretizza con una magia del solito capitan Giannone. Con questa vittoria la Turris agguanta il quarto posto, a soli 5 punti dal Bari capolista del girone.

Il match tra Turris e Catanzaro

Pronti via del primo tempo e la Turris ha diverse occasioni per passare subito in vantaggio; prima Leonetti in contropiede impensierisce il portiere poi sulla ribattuta e sul cross di Varutti lo stesso estremo difensore rischia di buttarsela dentro ma il palo lo salva. Al 10′ è ancora la squadra di Caneo a sfiorare il vantaggio con capitan Giannone che sbaglia un gol a porta vuota dopo una bellissima azione sulla fascia di Varutti. Il Catanzaro si fa vedere in avanti per la prima volta al 20′ con un tiro pericoloso in area che Perina riesce a sventare in corner. Primo tempo che poi non regala troppe emozioni se non tanti falli e diversi ammoniti.

Secondo tempo che inizia sulla falsa riga del primo con la Turris tutta all’attacco che sfiora ancora una volta un clamoroso gol del vantaggio con Leonetti dopo un’azione strepitosa di Franco (che poteva tirare anche lui, troppo generoso in questa circostanza). Gol che arriva al 31′ con una magia di Giannone che infila l’estremo difensore calabrese con un pallonetto magistrale che finisce all’incrocio dei pali e fa esplodere il Liguori in festa.

Potrebbe anche interessarti