Turris, il ritorno di Majella per affrontare un novembre complicato

ROSARIO-MAJELLA-

Dopo il 5-2 rifilato al Real Forio, l’attacco della Turris sembra aver ritrovato la vena realizzativa di inizio campionato. Dopo aver realizzato appena un gol in 180 minuti tra Quarto e Sessana, i corallini si sono scatenati, realizzando ben 5 gol contro il Real Forio. Soprattutto nel match contro la capolista, si è però avvertita l’assenza in campo di un giocatore fondamentale per le sorti della Turris. Parliamo, ovviamente, di Rosario Majella.

Casualità o meno, i numeri dicono questo: con Majella in campo i corallini hanno ottenuto 6 vittorie consecutive, realizzando 15 gol dei 22 complessivi. Sono numeri, questi, molto importanti, che testimoniano ancora una volta l’importanza del bomber napoletano classe ’79.

Attaccante di razza purissima, Rosario Majella in carriera ha abbondantemente superato la soglia dei 200 gol, traguardo raggiunto lo scorso maggio. In questo campionato d’Eccellenza, Majella ha già raggiunto quota 5 gol, bottino che sarebbe potuto diventare più consistente se non avesse saltato le ultime tre giornate per infortunio.

Insieme a Grezio (7 gol per lui) rappresenta un tandem d’attacco invidiabile per la categoria. Majella infatti non aveva mai militato in Eccellenza prima di questa esperienza, ma ha sempre giocato nei campi di Serie D e Lega Pro. Significativa quindi la scelta del bomber di “scendere” di categoria, pur di giocare nella Turris.

Al di la dei freddi numeri però, Majella dimostra di essere fondamentale anche come uomo squadra. Non solo un bomber d’area di rigore, ma un attaccante funzionale per lo schema di qualsiasi allenatore. In questa prima parte di campionato, abbiamo visto un Majella “a tutto campo”, bravo non solo a finalizzare, ma anche a creare gioco. A beneficiarne, sono stati i suoi compagni di squadra, in particolare Orazio Grezio.

Come testimonia il post-gara di Turris – Real Forio, Grezio, in conferenza stampa, ha ammesso che gli è mancato molto giocare in coppia con Majella: soprattutto per il carisma e la personalità che mette in gioco, qualità che gli altri giovani attaccanti corallini, per scarsa esperienza, non possono ancora avere.

Per affrontare al meglio un novembre di fuoco, che vedrà la Turris scontrarsi contro Volla ed Ercolano, il ritorno in campo di Majella sarà fondamentale. Adesso però tocca a Santosuosso decidere come inserire nuovamente l’attaccante nel reparto offensivo, visto che nelle ultime giornate il mister ha optato per un 4-3-3, a discapito del 4-4-2 di inizio campionato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più