Napoli, partito il primo carico di farmaci per l’Ucraina: in 3 giorni 65mila euro di aiuti

Partito ieri il primo carico raccolto dall’Ordine dei Farmacisti di Napoli destinato all’Ucraina. Oltre 65 mila di euro in aiuti umanitari. La raccolta promossa nell’ambito del progetto “Un Farmaco per tutti” condiviso in questo caso con Federfarma Napoli.

Farmacisti Napoli, partito il primo carico di aiuti

Abbiamo accolto il prima possibile l’ appello del console generale dell’Ucraina Maksym Kovalenko che ho incontrato a Napoli e in tre giorni abbiamo raccolto farmaci, dispostivi sanitari e alimenti.
Continueremo così ogni settimana e daremo seguito al patto siglato con il consolato per la somministrazione di farmaci gratuiti” dichiara Vincenzo Santagada presidente dell’ Ordine dei Farmacisti di Napoli e assessore alla Salute del Comune di Napoli.

Partiti ieri i seguenti prodotti: latte in polvere, acqua ossigenata, soluzioni fisiologiche, bombole di ossigeno, omogeneizzati, farmaci antinfiammatori, antibiotici, antidolorifici e sacche per stomie.

De Luca, aveva annunciato aiuti dopo aver incontrato il console

Ad annunciarlo fu il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca dopo aver avuto un colloquio con il console ucraino a Napoli. Lo stesso Vincenzo Santagada, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli e assessore alla Salute e Verde del Comune di Napoli dopo aver incontrato il console generale dell’Ucraina a Napoli Maksym Kovalenko, aveva assicurato il patto per la somministrazione di farmaci gratuiti con il progetto “Un Farmaco per tutti” per dare sostegno ai popoli colpiti dalla guerra. “Il console mi ha fornito una lista di farmaci necessari e ci attiveremo subito con i volontari di Un Farmaco per tutti. Con questo progetto pluriennale abbiamo creato una rete così solida da poter garantire ogni anno migliaia di presidi gratuiti in tutto il mondo e ora non lasceremo sole le persone che stanno affrontando un momento così drammatico”, aveva spiegato Santagada.

Potrebbe anche interessarti