Ruba la telecamera ad un tifoso giapponese: denunciato un 23enne, è uno steward del Maradona

telecamera stewardAveva fatto molto discutere la notizia della telecamera sottratta a Hikaru Kumakura, in arte DiCoprio, che lunedì pomeriggio si era recato allo stadio Maradona per vedere la partita degli azzurri contro la Roma. Il celebre influencer giapponese e tifoso del Napoli aveva denunciato, attraverso un video sui suoi canali social, come prima dell’inizio della gara avesse dovuto consegnare la propria videocamera (vige infatti il divieto di riprendere la partita) ad uno steward ma purtroppo questa non gli era mai stata restituita al termine del match.

RUBA TELECAMERA A TIFOSO GIAPPONESE: DENUNICATO STEWARD

Immediatamente erano scattati i controlli della Polizia di Napoli che grazie anche al sistema di video-sorveglianza dell’impianto di Fuorigrotta ha individuato lo start e lo ha denunciato. A renderlo noto è la Questura del capoluogo partenopeo:

Lunedì sera, al termine dell’incontro di calcio Napoli-Roma disputatosi presso lo stadio Diego Armando Maradona, un turista giapponese ha segnalato agli operatori della Polizia di Stato che, durante le fasi di controllo per l’accesso all’impianto sportivo, uno steward gli aveva fatto lasciare all’ingresso la telecamera che aveva con sé ma, terminata la gara, l’oggetto non era stato più ritrovato. Ieri pomeriggio i poliziotti del Commissariato San Paolo, grazie alle descrizioni fornite dalla vittima e alle immagini del sistema di video sorveglianza dell’impianto sportivo, sono riusciti ad individuare uno degli steward che aveva prelevato la telecamera nel luogo in cui era stata lasciata. L’uomo, un 23enne napoletano, è stato rintracciato presso la propria abitazione e, dopo aver riconsegnato l’oggetto, è stato denunciato per appropriazione indebita. La telecamera è stata restituita al proprietario“.

LE PAROLE DI DICOPRIO

Il tifoso giapponese una volta riavuta la telecamera ha dichiarato il suo amore verso la città:

“Vorrei ringraziare voi napoletani, avete fatto tante cose per me, mi avete aiutato, mi avete dedicato anche una raccolta fondi. Siete veramente gentilissimi, avete un cuore grande. Ho incontrato un ragazzo giovane che aveva restituito la mia borsa. Era molto stanco e mi ha chiesto scusa tante volte”.

Potrebbe anche interessarti