Napoli accoglie Iryna, in fuga dalla guerra e malata: intervento salvavita per la 17enne ucraina


Continua la solidarietà della Campania per i profughi ucraini in fuga dalla guerra. Dopo un mese e mezzo dall’invasione della Russia, anche gli ospedali napoletani fanno la loro parte e accolgono chi ha bisogno di cure e protezione. Se il Santobono si occupa dei più piccoli, il covid residence dell’Ospedale del Mare è stato convertito in centro d’accoglienza per gli ucraini. Inoltre molte famiglie stanno ospitando a casa propria donne e bimbi.

DALLA POLONIA A NAPOLI, INTERVENTO D’URGENZA PER LA PROFUGA UCRAINA IRYNA

Ora è l’Asl Napoli 1 a comunicare questa bella storia che riguarda una giovane ragazza ucraina. Iryna ha appena 17 anni ed è affetta da diabete mellito di tipo I. La giovane è scappata dalla guerra e ha raggiunto la Polonia ma negli ultimi giorni la sua malattia era peggiorata e rischiava una chetoacidosi diabetica, grave complicanza causata da una iperglicemia conseguenziale ad un deficit di insulina. Così è scattata la richiesta di aiuto da parte della CROSS  (Centrale Operativa Remota Operazioni Soccorso Sanitario) nazionale che venerdì ha attivato la procedura di MedEvac (il trasporto areo sanitario). A rispondere è stata la Protezione Civile della Regione Campania e il direttore del Servizio 118 dell’ASL Napoli 1 Centro, Giuseppe Galano (referente regionale protezione civile per l’emergenza sanitaria) dal quale è arrivato l’ok per accogliere Iryna che è stata trasportata all’Ospedale del Mare. L’operazione di soccorso ha fatto partire da Pratica di Mare un mezzo militare sanitario della Guardia di Finanza, destinazione Resovia (in Polonia) dove la giovane donna è stata imbarcata assieme alla sorella 21enne.

Come spiegato in un comunicato dell’Asl:

Immediato il nuovo decollo e, dopo una tappa a Bologna, il mezzo di soccorso dell’aeronautica militare è giunto a Pratica di Mare. Ad aspettare la giovane Iryna e sua sorella un’ambulanza medicalizzata del Servizio 118 dell’ASL Napoli 1 Centro. Il medico a bordo dell’ambulanza ha visitato la paziente e ritenendola sufficientemente compensata ha disposto il trasferimento al Residence dell’Ospedale del mare. Giunte a Napoli nella tarda serata di sabato entrambe le giovani donne sono state sottoposte ad un tampone antigenico (che ha dato esito negativo) e ristorate per il lungo viaggio. Domenica per Iryna è iniziato il percorso di inquadramento dei suoi bisogni di salute presso l’Ospedale del mare e la necessaria assistenza medica“.

Soddisfazione è espressa dal direttore generale, Ciro Verdoliva:

Rispondere a queste richieste di aiuto è un nostro dovere. Ciò detto, sono orgoglioso di come il nostro personale, a cominciare dal direttore Galano, ha gestito l’operazione e di quanto stiamo fornendo per le nostre competenze sanitarie alla protezione civile regionale. La Campania, seguendo gli indirizzi estremamente chiari del Presidente De Luca che ha delegato alla protezione civile regionale il coordinamento degli interventi e delle attività di soccorso ed assistenza alla popolazione proveniente dall’Ucraina, ha assunto sin da subito un ruolo di primo piano nell’ambito dell’accoglienza che il nostro Paese sta garantendo a chi è in fuga dalla guerra“.

Potrebbe anche interessarti