Villa dei Misteri a Pompei, tornano a splendere gli affreschi di 2000 anni fa

Tornano a splendere gli affreschi di Villa dei Misteri a Pompei. Il lavoro di restauro è stato immortalato da Massimo Osanna, visitatore d’eccezione, ex soprintendente del Parco Archeologico e attuale direttore dei musei italiani.

Back to Pompeii“, è il commento alle foto, e una riporta alcuni versi di “Fedra” di Seneca: “Sì, è fugace cosa la bellezza. Si fiderà, un saggio, di un bene così fragile? Godine sin che puoi. Silenzioso il tempo ti distrugge. Un’ora passa e un’altra, sempre peggiore, la segue…”. Dopo il grande lavoro di restauro la domus potrebbe riaprire presto, secondo indiscrezioni già dai primi di luglio.

Gli affreschi di Villa dei Misteri

Un grande affresco continuo che copre le tre pareti, raffigura un rito misterico, cioè riservato ai devoti del culto. La scena è legata a Dioniso che appare sulla parete centrale insieme alla sua sposa Arianna.

Sulle pareti laterali figure femminili nonché fauni, menadi e figure alate sono impegnate in diverse attività rituali. Oltre la danza e il consumo del vino, espressioni dell’estasi dionisiaca, si vede la flagellazione rituale di una fanciulla appoggiata sulle ginocchia di una donna seduta (nell’angolo in fondo a destra).

Record di visitatori a Pompei

Il sito archeologico ha registrato nei limiti delle ristrettezze Covid, un boom di ingressi: 26mila visitatori nel mese di maggio e un trend giornaliero in aumento con oltre 2mila visitatori nei week end e nei giorni festivi. Dal 7 giugno, il sito di Pompei effettuerà aperture al pubblico tutti i giorni. 

Potrebbe anche interessarti