“‘A tazza ‘e cafè”: chi era questa Brigida nominata nella canzone?

Napoli – Le canzoni più iconiche della storia della musica napoletana non sono nate dallo studio e dalla ricerca di esperti del settore, ma, quasi sempre, da geniali guizzi di persone comuni: poesie pensate e scritte in una situazione e poi passate alla storia. Giuseppe Capaldo, nel 1918, era cameriere al caffè Portoricco, in via Sanfelice a Napoli.

Ogni giorno, mentre lavorava, osservava innamorato la bella Brigida, cassiera del locale. La donna aveva tantissimi corteggiatori, molti clienti cercavano di scambiare due parole con lei. Tuttavia, forse perché abituata ed infastidita a quelle continue avances, Brigida scacciava tutti con freddezza: il nostro Giuseppe non aveva alcuna possibilità.

Un giorno il giovane guardò la donna, guardò una tazza di caffè bollente che stava servendo e sentì quella scossa che solo i veri poeti possono avere. Prese carta e penna ed iniziò a paragonare l’amata ad una tazza di caffè: amara, ma in grado di diventare dolce nel caso in cui si aggiungesse lo zucchero e si avesse la costanza di girarlo nella tazzina.

Non sappiamo se con questa poesia Giuseppe riuscì effettivamente a conquistare l’algida Brigida, ma sappiamo per certo che mostrò quando aveva scritto al cavalier Vittorio Fassone che, appassionato di musica, decise subito di comporre per trasformarla in canzone. “‘A tazza ‘e cafè” non avrà addolcito un cuore, ma è diventata una delle canzoni napoletane più amate e conosciute al mondo, vantando interpreti del calibro di Roberto Murolo, Claudio Villa e Renzo Arbore.

Di seguito il testo completo ed un video in cui viene cantata da Murolo:

Vurría sapé pecché si mme vedite,
facite sempe ‘a faccia amariggiata…
Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite,
cchiù bella, a ll’uocchie mieje, v’appresentate…
I’ mo nun saccio si ve n’accurgite!

Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
tazza ‘e café parite:
sotto tenite ‘o zzuccaro,
e ‘ncoppa, amara site…
Ma i’ tanto ch’aggi”a vutá,
e tanto ch’aggi”a girá…
ca ‘o ddoce ‘e sott”a tazza,
fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!…

Cchiù tiempo passa e cchiù v’arrefreddate,
‘mméce ‘e ve riscaldá…”Caffè squisito!…”
‘o bbello è ca, si pure ve gelate,
site ‘a delizia d”o ccafé granito…
Facenno cuncurrenza â limunata…

Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
…………………………………………

Vuje site ‘a mamma d”e rrepassatore?…
E i’, bellezza mia, figlio ‘e cartaro!…
Si vuje ve divertite a cagná core,
i’ faccio ‘e ccarte pe’ senza denare…
Bella pareglia fóssemo a fá ‘ammore!

Ma cu sti mode, oje Bríggeta,
…………………………………………

[youtube height=”300″ width=”100%”]https://www.youtube.com/watch?v=zRV7RAg5iyA[/youtube]

Fonte: Michele Sergio, titolare Gambrinus

Potrebbe anche interessarti