La Coppola di Garibaldi: la ricetta napoletana che omaggia l’invasore

Foto di cc146, Instagram

La Coppola di Garibaldi è un piatto della cucina tradizionale napoletana preparato nelle feste e di domenica. Una sorta di timballo di pasta elegante e raffinato coperto interamente da fette di prosciutto cotto.

L’origine del nome si fa risalire a due ipotesi: la prima vede che la ricetta sia nata proprio quando Giuseppe Garibaldi incontrò il re Vittorio Emanuele II in Terra di Lavoro. Il 26 ottobre del 1860 ebbe luogo lo storico incontro consumatosi fra Caianello e Teano, sul ponte di S. Nicola, e secondo altre fonti nel comune di Vairano Patenora.

La seconda ipotesi vuole che all’origine di questo piatto ci sia proprio il copricapo rosso di Garibaldi, infatti la forma circolare e bombata vagamente lo ricordano, col prosciutto che in cottura diventa quasi “rosso”.

La ricetta è tratta dal portale Youcookit.

INGREDIENTI:

500g Tagliatelle fresche
300g Piselli
200g Pancetta
100g Cipolle
300g Funghi champignon
1 Spicchi d’aglio
Mozzarella o scamorza affumicata
50g Parmigiano
280g Prosciutto cotto
Olio extravergine d’oliva
Sale
Pepe
Besciamella (la ricetta)

PROCEDIMENTO

Imburrate una teglia rotonda e alta e foderatela con la metà delle fette di prosciutto cotto. Tagliate a dadini la mozzarella o la scamorza e il resto del prosciutto. Tritate finemente la cipolla, fatela soffriggere in padella con un filo d’olio e cuocetevi i piselli. Preparate la besciamella. Trifolate con un po’ di olio e aglio i funghi.

Portate a ebollizione una pentola di abbondante acqua salata e lessate le tagliatelle. Scolate la pasta e mischiate dentro tutti gli altri ingredienti. Versate tutto nella teglia e infornate a 180° per circa 30-35 minuti.

Rovesciate la coppola di Garibaldi su di un piatto e servitela ancora calda.

Potrebbe anche interessarti