Passeggiata notturna al Vesuvio tra antichi suoni e meraviglie naturalistiche

passeggiata notturna vesuvio

Coloro che sono alla ricerca di avventure seducenti e suggestive non possono mancare a questo incredibile appuntamento Vesuviano. L’evento (unico nel suo genere) fissato per sabato 6 luglio, è stato organizzato dalla cooperativa sociale Sire ed Umberto saetta e prevede una fantastica passeggiata notturna tra le bellezze paesaggistiche del Vesuvio!

Così come si legge sulla pagina fb dell’evento, si tratta di una vera e propria passeggiata naturalistica ed emozionale!

Sabato 6 luglio la cooperativa sociale Sire ed Umberto Saetta, guida esclusiva al Parco Nazionale del Vesuvio, invitano tutti a partecipare ad un appuntamento unico e suggestivo, una passeggiata notturna tra natura, suoni antichi e tipicità vesuviane alla scoperta di sentieri e panorami mozzafiato del vulcano partenopeo.

Saranno i suoni suggestivi degli strumenti suonati da Gerardo Oliva ad accompagnare l’escursione in un notturna, all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio. Per gli amanti della natura e dei suoni particolari, un’occasione unica per trascorrere, in uno dei contesti naturali più affascinanti della nostra regione, un sabato sera inconsueto.
La luce della notte e le armonie d’altri tempi accompagneranno i visitatori in una dimensione surreale, dove i sensi prevarranno fortemente, aprendo la mente a scenari unici.

Il percorso inizia dalla veduta più bella al mondo: di solito pensiamo al golfo con il Vesuvio visto da Posillipo, non sapendo cosa offre l’esatto inverso, ovvero guardare la città di Napoli dal cratere che la sovrasta e la caratterizza nell’immaginario collettivo. Dalla balconata mozzafiato inizia il percorso che ci porta verso il rifugio Imbò, dove verranno degustati vini DOC prodotti nel territorio vesuviano. Il sentiero che seguiremo è quello che cammina per un tratto della strada Matrone, la vecchia strada d’accesso al Vulcano fino a giungere, attraversando un ginestreto, il Largo Legalità. Da quel punto si procede verso la Valle dell’Inferno, dove si alterneranno ancora momenti naturalistici a quelli di degustazione, per l’occasione verranno assaggiate grappe vesuviane frutto della sapiente tradizione locale. I paesaggi che si apriranno lungo il percorso daranno gli spunti adatti per svelare i luoghi da punti di vista nuovi, come il magnifico panorama della piana campana, del Golfo di Castellammare di Stabia, la penisola sorrentina e Capri.

Il percorso, in particolare, cammina verso la caldera del vulcano primordiale, ovvero l’edificio vulcanico Somma-Vesuvio. Dopo la visita alle lave a corda ed alle forre situate sul crinale est del Somma, l’escursione continua verso la Valle dell’Inferno, luogo molto interessante sotto l’aspetto naturalistico vulcanologico e meta intermedia dell’itinerario stabilito. La Valle dell’Inferno rappresenta una delle aree più suggestive del complesso vulcanico Somma-Vesuvio perché è poco battuta e perché qui si vive l’imponenza del vulcano osservando dal basso il Monte Somma e il Vesuvio. Essa è parzialmente invasa dalla lingua di lava dell’ultima eruzione del 1944, colonizzata dal lichene Stereocaulon vesuvianum come la formazione di lava “a corda” del Vesuvio incisa da una profonda crepa in cui alloggiano numerose specie di felce.

L’itinerario è pensato come circolare ovvero la meta di itinerario coincide con il punto di partenza.

L’escursione serale nasce con l’intento di fondere l’essenza madre dei frutti della terra, come l’uva e il vino, con le asperità della terra vesuviana. Ciascuno sarà protagonista del proprio incontro con l’impervia natura delle rocce laviche, un incontro che non passa solo attraverso le parole della guida, ma soprattutto attraverso il saper guardare, sentire, lasciarsi emozionare e coinvolgere dalla musica, dai colori e dai profumi della notte.

1. Difficoltà del percorso: media
2. Abbigliamento consigliato: consigliata la torcia, scarpe sportive o da trekking e indumenti comodi e chiari, pullover e k-way. bottiglia d’acqua.
3. Durata: tre ore ca.
4. Contributo organizzativo: € 10,00 – per i soci Siti Reali € 9,00
5. Appuntamento: h 20,00 (si raccomanda la puntualità) presso parcheggio quota mille accesso cratere Vesuvio -Rifugio Imbò.
6. N.B. non è l’escursione alla Bocca del Cratere.
7. Prevista degustazione di vini doc vesuviani. La colazione è a sacco ed è a cura dei partecipanti!

COME RAGGIUNGERCI:

– Uscita autostrada Ercolano oppure Torre del Greco, seguire le indicazioni Vesuvio, appuntamento altezza parcheggio quota mille accesso cratere Vesuvio.
– Dai paesi vesuviani, SS 268 uscita Cercola, S. Sebastiano, arrivare fino ad Ercolano, via Benedetto Cozzolino, seguire le indicazioni Vesuvio, appuntamento altezza parcheggio quota mille accesso cratere Vesuvio

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (fino al giorno prima)
SITI REALI: dal lunedì al venerdì 081/6336763 – sabato e domenica 392 2863436 – cultura@sirecoop.it

COME RAGGIUNGERCI:

– Uscita autostrada Ercolano oppure Torre del Greco, seguire le indicazioni Vesuvio, appuntamento altezza parcheggio quota mille accesso cratere Vesuvio.
– Dai paesi vesuviani, SS 268 uscita Cercola, S. Sebastiano, arrivare fino ad Ercolano, via Benedetto Cozzolino, seguire le indicazioni Vesuvio, appuntamento altezza parcheggio quota mille accesso cratere Vesuvio

Per maggiori informazioni visita la pagina fb dell’evento.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più