Zzambù a Napoli, grande successo per la cena di presentazione: ecco il menù

L’avvento dell’estate è foriero per il lungomare di Napoli: dal 31 maggio tutti coloro che passeggiano su via Partenope posso sostare al civico 9 per una pizza, un panino, una birra… Si chiama Zzambù la nuova oasi del gusto made in Naples: un posto dove è possibile degustare l’ottima pizza di Salvatore Di Matteo, pizzaiolo e friggitore napoletano, oppure degustare golosi panini preparati con ingredienti delle eccellenze del Sud; un luogo dove gli ospiti potranno vivere esperienze legate non solo al buon cibo, ma anche legate alla musica, all’arte, etc. Lo si intuisce già dal nome, Zzambù, una “joint venture letterale” di pizza e hamburger, un naming che trae ispirazione da quello che nasce come un linguaggio sottodialettale, usato dai musicisti partenopei fin dal ‘700: la Parlesia (Pino Daniele in molti suoi testi ha inglobato termini di questa vera e propria lingua).

Salvatore Di Matteo Zzambù
foto di Massimo Cuomo

Salvatore Di Matteo sceglie di affiancare Zzambù col suo nuovo format, incentrato sul racconto della tradizione della pizza napoletana, grazie ad un percorso fatto di evoluzione, attraverso la ricerca di prodotti di eccellenza legati al concetto di territorialità, che lo hanno gradatamente condotto ad un concept di pizza “gourmet”…

Eccone qualche assaggio: la gustosissima Pistacchiosa, realizzata con mortadella IGP e pistacchio di Bronte, e la fresca ed estiva Faccia Gialla, una vera prelibatezza, ispirata al patrono della città, elaborata con pomodorini gialli e grattugiata di limone di Sorrento. Seppure lo sguardo di Salvatore è proiettato verso una pizza sempre più innovativa, le sue forti radici rimangono ben salde e legate alla tradizione, infatti, nel menù del suo nuovo progetto non mancano affatto le pizze tradizionali come la Margherita, la Marinara, il Ripieno e la Pizza Fritta. Per rimanere in tema di tradizione il format “Salvatore Di Matteo Le Gourmet” ha voluto riproporre i classici della friggitoria napoletana come l’intramontabile frittatina di pasta, il crocchè e l’arancino. Punta di diamante dell’intero progetto sono i prodotti a marchio Eccellenze del Sud, utilizzati da Salvatore Di Matteo per la realizzazione delle sue pizze.

Il progetto ”Zzambù” è nato da un’idea di quattro professionisti napoletani (Carlo, Diego, Fulvio e Giovanni) che vantano esperienze e competenze in un altro apprezzato campo gastronomico: la Burgeria! Lo dimostrano le ricette dei panini in menù, eccone alcune: o Prufessorë (il posteggiatore) con hamburger di maialino nero Casertano, funghi porcini, caciocavallo irpino e salsa all’aglianico e noci; il panino Parlèsia con pulled pork, cheddar, insalata coleslow, salsa barbecue e cipolle croccanti nel filoncino all’olio; il Bacone (o’malament) con hamburger di scottona, melenzane a funghetto bianche, pomodorini gialli, scaglie di parmigiano e mousse di pesto al basilico.

 

Menù della serata
Frittatina, arancino e crocchè by Salvatore Di Matteo
I Panini:
– Parlesia (Pulled pork, Cheddar, Insalata coleslow, Salsa barbecue e Cipolle croccanti nel filoncino all’olio)
– Pistacchioso (Hamburger di maialino nero casertano, Provola di Agerola, Mortadella IGP di Modena, Pistacchio di Bronte e Formaggio pecorino)
– o Prufessorë (Hamburger di maialino nero Casertano, Funghi porcini, Caciocavallo irpino, salsa all’Aglianico e noci)
– o BBuffo (Hamburger di scottona, scarola saltata in padella, granella di pinoli tostati, patè di olive nere, cipolla rossa di Tropea caramellata)
Le pizze:
– Faccia gialla (Mozzarella di bufala, Pomodorini gialli a Pacchetella, Foraggio Pecorino, Olio evo, Grattugiata di buccia di limone di Sorrento)
– Margherita (Fior di latte, Pomodoro San Marzano, Formaggio Pecorino, Basilico, Olio evo)
– Pistacchiosa (Provola di latte vaccino, Mortadella IGP di Modena, Pistacchio di Bronte, Formaggio Pecorino, Olio evo)
– Bungtbangt (fagiolo alla messicana)
Hashtag ufficiali: #salvatoredimatteolegourmet #salvatoredimatteo #Zzambù

Potrebbe anche interessarti