Napoli festeggia le Quattro Giornate, 77 anni la cacciata dei nazisti: gli eventi

quattro giornate di Napoli

Napoli festeggia il 77° anniversario dalle famose “Quattro Giornate” con un programma ricco di iniziative culturali, in testimonianza anche delle lotte che ancora oggi si svolgono e della memoria di tutti coloro che hanno lottato per la libertà.

”Abbiamo scelto di dedicare il 77° anniversario delle Quattro giornate di Napoli non solo alla consueta e necessaria celebrazione della liberazione della nostra città dall’oppressione nazifascista ma anche al riconoscimento delle resistenze contemporanee, contro l’oscurantismo e i nuovi fascismi che ancora oggi in tutto il mondo difendono la libertà e la democrazia. Lo faremo ricordando, tra queste resistenze, in particolare quella curda che da anni difende l’autonomia confederale democratica e femminista dalla violenza dell’isis e dell’esercito turco” – afferma l’Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Eleonora de Majo.

La manifestazione avrà inizio giovedì 24 alle 10:30 al Maschio Angioino, dove avverrà la presentazione del progetto di manutenzione straordinaria di dieci epigrafi in memoria dei caduti ubicate sul territorio cittadino, da parte dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.

Sarà infatti scoperta, ai piedi dello scalone monumentale che porta alla sala Dei Baroni, la lapide appena restaurata, su cui è incisa la motivazione del conferimento alla città della Medaglia d’Oro al Valor militare; all’evento saranno presenti, con l’Assessore de Majo, i rappresentanti dell’A.N.P.I., dell’ICSR e di Artes, la ditta incaricata del progetto di restauro delle lapidi.

Organizzate visite guidate sia sabato 26 che domenica 27:

  • Storia del Vomero, da periferia a luogo simbolico della città, dalle ore 9:30 alle ore 11:30.

In programma due visite guidate nei luoghi simbolici del quartiere Vomero di Napoli, ripercorrendone la storia e lo sviluppo fino ai giorni nostri; la partenza è prevista da Piazzale San Martino, davanti la Chiesa delle Donne.

  • Il Vomero, dalla nascita alle 4 Giornate di Napoli, dalle ore 11:30 alle ore 13:30.

Un tuffo nella storia alla scoperta delle tappe principali dello sviluppo del quartiere come area periferica, dapprima con funzione difensiva e religiosa in origine, poi residenziale nel corso del XIX secolo, ed infine parte vitale e simbolicamente importante della città, così come dimostrato durante le 4 giornale di Napoli. La partenza è prevista da Piazza 4 Giornate, davanti alla scultura di Renato Barisani.

  • Il Vomero, dal dopoguerra alle Stazioni dell’arte

Termina la giornata con il racconto di come il Vomero sia diventato il vero centro di espansione della città verso l’entroterra, fino a diventare l’area centrale di collegamento ferroviario metropolitano tra centro e periferia; nel percorso sono incluse le visite guidate delle Stazioni dell’arte di 4 Giornate e Vanvitelli con le loro opere d’arte contemporanea.

Il costo del biglietto della visita guidata è di €5 a persona; prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente l’iniziativa al numero cell. 39 339 29 55 351 o scrivendo all’indirizzo e-mail visiteguidatecampania@gmail.com.

In programma un’altra visita guidata domenica 27 Le Quattro Giornate di Napoli. Maddalena Cerasuolo e le donne della Resistenza, dalle ore 11,00 alle 13,00 e dalle ore 16,00 alle 18,00, con partenza prevista dalla  piazzetta Scipione Ammirato (metro Materdei).

Il tour, che avverrà dal rione Materdei alla Sanità, sarà l’occasione per riscoprire alcune delle epigrafi rese nuovamente leggibili: la guida abilitata vi condurrà nei luoghi della memoria per raccontare le storie dei protagonisti, in particolar modo delle donne, che hanno partecipato alla Resistenza durante le Quattro Giornate di Napoli.

Il costo del biglietto è di €10; i ragazzi dai 10 -18 anni pagano €6 l’ingresso mentre per i bambini con età inferiore ai 10 anni l’ingresso è gratuito. Il numero di posti è limitato: per prenotare contattare t.peluso@info-artes.it o scrivere al numero Whatsapp 0039 3662403867; per maggiori informazioni visitare il sito www.info-artes.it

Evento atteso è invece la consegna simbolica della medaglia al papà di Lorenzo Orsetti domenica 27 settembre alle ore 21, nel Convento di San Domenico Maggiore.

Durante la stessa serata gli attori Antonello Cossia, Rosaria De Cicco, Giuseppe Gaudino  leggeranno brani in memoria di  quei giorni in cui gli abitanti di Napoli combatterono contro le truppe naziste presenti in città; seguirà musica dal vivo, durante la quella protagonista sarà proprio una Napoli forte e fiera, la quale non ha paura di nulla e che combatte per il bene. La prenotazione è obbligatoria attraverso il sito http://ingressi.comune.napoli.it/sandomenico.

Potrebbe anche interessarti