Fra Trap e Islam, il concerto di Ghali a Napoli:tutte le info

Giovedì 8 novembre 2018 Ghali calcherà il palco del Palapartenope per la tappa napoletana del suo tour italiano. Un concerto che si annuncia come un grande show, da parte dell’artista di origini tunisine che si configura ai vertici della Trap italiana. Biglietti disponibili da 32 euro + prevendita (parterre in piedi) e 40 euro + prevendita (tribuna numerata). Per acquistare clicca qui.

“Trap,trap,trap”, una piccola parola quasi similare ad un verso entrata prepotentemente nel linguaggio comune, sopratutto quello legato agli ascolti dei giovanissimi e tra quelli che Prensky definirebbe “nativi digitali”.

Ma cos’è la trap? Che oramai vanta uno specifico slang linguistico e l’identificazione stereotipata fatta di gioielli, brillanti e grandi firme. Il termine è derivazione di “trap house”, dove i rapper del sud degli Stati Uniti negli anni novanta indicavano le case dove era uso spacciare, il cosidetto “tripping”(spacciare appunto). Da quest’accezione negativa ne è nato negli anni Duemila tutt’altro, un sottogenere dell’hip hop che si caratterizza per sonorità minimali e ipnotiche, a volte aggressive, fatte di velocità, sintetizzatori, di quel bofonchiare sommesso “mumbling” e l’ispirazione di icone del genere come T.I. , Young Jeezy e Gucci Mane.

Da oltreoceano adesso torniamo in Italia.

Ghali, che dalla trap pure nasce, di cognome fa Amdouni e merita di essere conosciuto non soltanto per singoli che sono diventati successi virali incredibili (“Ninna Nanna” è a 87 milioni di visualizzazioni su Youtube e “Cara Italia”, celebre per un spot per un marchio di telefonia mobile, è addirittura arrivato a 100 milioni di click); neanche perché vanta collaborazioni con il più alto grado del genere come Sfera Ebbasta, Gue Pequeno o Fedez; forse nemmeno perché oramai è una icona di stile che trascende la semplice mestiere musicale, diventando oggetto del desiderio di diverse riviste e case di moda, ma per molto di più.

Ghali si è fato capostipite di un nuovo codice linguistico che si discosta da certe attitudini da duri, temi cupi e crudi. Non occorre quello per diventare leader di un genere, ma può bastare raccontare la semplice realtà di tutti i giorni che ci circonda, fatta di famiglia, sogni e accettazione. Esponendo il tutto con originalità e le giuste sonorità, come quelle che troviamo nel suo ultimo e unico album che per l’appunto si chiama “Album”.

A questo aggiungeteci che la semplicità di questo ragazzo, che come da copione arriva dal quartiere di periferia che non ha nient’altro da offrire se non una possibilità (stavolta parliamo di Baggio vicino Milano) e che riesce a trascinare con una hit dietro l’altra un pubblico senza etichetta d’età e provenienza, fatto di bambini ed adulti.

Ma il discorso potrebbe essere affrontato ancora di più nel profondo, Poiché oltre tutto questo Ghali, genitori tunisini, è il primo vero artista, italiano di seconda generazione, ad affermarsi a certi livelli. La straordinarietà sta proprio nell’affrontare con leggerezza temi come il Ramadan nei propri testi, facendo diventare ordinario l’uso di parole come Habibi e Kebab. Ecco quindi che questo artista potrebbe significare tanto nell’immaginario collettivo, in un paese dove si vive la perdita di cardini fondamentali tra tempeste politiche e difficile convivenza etnica, con l’abuso di certe parole troppo importanti come multiculturalismo, antifascismo, razzismo, xenofobia e via discorrendo, la musica potrebbe davvero attraverso la sua visibilità e la fruizione a tutto tondo stemperare il clima verso certe fobie populiste.

Vi consigliamo quindi sicuramente di esserci giovedì 8 novembre 2018 quando Ghali calcherà il palco del Palapartenope per la tappa napoletana del suo tour italiano: Siamo sicuri che al di là di ideologie, tra visual, band, innovazioni tecnologiche annunciate e talento in campo sarà un grande show.

#Ghaliintour presentato da Live Nation
Complesso Palapartenope
Via Barbagallo 115, Napoli
Biglietti, Settori e Prezzi biglietti:
Parterre in Piedi > 32€ + prevendita
Tribuna numerata > 40€ + prevendita

Per acquistare clicca qui

Potrebbe anche interessarti