Antica Cantina Sepe: alla scoperta del buon vino nel cuore di Napoli

Se siete alla ricerca di un luogo che sia casa, buon vino e convivialità allora non vi resta che introdurvi nel cuore di Napoli, in quei famosi quartieri della Sanità, dove nasce l’Antica Cantina Sepe.

Tradizione familiare tramandata per ben quattro generazioni partendo da Don Giuseppe Scognamiglio, detto “don Peppe ‘o Craparo”, intorno alla prima metà degli anni ’20, in via Sanità 32A. Inizialmente è dedita alla vendita di vino sfuso e alla preparazione di piatti caldi, diventando un punto di incontro e convivialità per l’intero quartiere.

Negli anni ’30 la cantina era frequentata da un giovane parente alla lontana, Francesco Sepe che andava e veniva dalla Sanità collaborando nella cantina e accattivandosi Don Peppe per le sue spiccate doti di commerciante. Proprio qui conobbe Maria, secondogenita di Don Peppe, che di lì a poco avrebbe sposato e con la quale avrebbe aperto la prima cantina in via Miracoli 42. Fu un gran successo poiché Francesco, oltre a gestire la cantina, era sempre in giro per varie zone vitivinicole, per trovare le migliori partite di vino sfuso.

Quando Francesco scomparve prematuramente, fu il più giovane dei figli maschi, Antonio, a prendere le redini dell’attività familiare, nel 1977. Antonio continuò a lavorare con lo stesso spirito imprenditoriale e commerciale del padre, confermando il successo della cantina, divenuta ormai una delle pochissime attività dedite alla vendita di vino sfuso con prodotti ricercati. Il successo di Tonino Sepe è da attribuire anche alla  presenza di un pilastro nella sua vita, la moglie Giovanna, appassionatasi fin da subito all’attività.

Ed è chiaro che quando si crea una tale complicità nel portare avanti un sogno, questo venga tramandato di generazione in generazione.

Attualmente infatti è Francesco, figlio di Tonino, a continuare il lavoro della sua famiglia. Nel 2014, a 24’anni, torna da Londra, sentendo il richiamo delle origini e decidendo di provare a smuovere qualcosa nel suo quartiere: si iscrive quindi all’AIS (Associazione Italiana Sommelier, ndr) per imparare a riconoscere il meglio tra vini, distillati e liquori (sbirciando tra le foto della pagina Facebook si notano dei pezzi unici, da veri intenditori).

Dalla continua ricerca delle migliori uve di vino nasce il recente successo, la selezione Sepe : nomi e caratteristiche del tutto particolari, basti pensare al “Terzì”, vino bianco frizzante, presente anche nella variante rossa, che prende il nome dal territorio di Terzigno in cui sono state ricercate e trovate le uve.

Così anche per “Catalanesca” , dall’uva importata dalla Catalogna e impiantata sulle pendici del Monte Somma. Nella selezione si trovano anche altre tipologie di vino, come Falanghina e Aglianico e sono tutti disponibili online.

 

Francesco però sembra essere un vulcano inarrestabile e nel 2016 illumina il quartiere di una nuova luce fondando il format socio-culturale AperiSepe, che ha principalmente tre punti chiave:

  • Accessibilità: è possibile bere un calice di vino con 1,50 euro;
  • Intrattenimento culturale e musica dal vivo;
  • Non snaturare l’attività di famiglia e rispettare il vicinato;

Era questo il sogno: creare una movida alternativa e genuina e avere un impatto sociale sul quartiere, ricordato solo e sempre per i fatti di cronaca nera. Invece c’è dell’altro nel cuore di Napoli: ci sono giovani intraprendenti come Francesco Sepe, che è animato da questo fuoco, da questa voglia di fare e dare il cento per cento portando avanti i valori che gli sono stati trasmessi.

Basta entrare all’interno della cantina per capire con quanta dedizione è portata avanti e quanta tradizione vi sia conservata; e in fondo questa storia è racchiusa nelle etichette della selezione Sepe: “Da quattro generazioni con passione e dedizione per il divino nettare selezioniamo i migliori vini campani”. Frutto di chi di questo mestiere ne ha fatto passione e ragione di vita.

 

CONTATTI

INDIRIZZO: Antica Cantina Sepe – Via Vergini 55, Napoli

Telefono: 081454609

Email: anticacantinasepe@libero.it

PAGINA FACEBOOK

Potrebbe anche interessarti