I tifosi viola irridono Insigne: uno striscione si fa beffe della rapina subita dal Magnifico

Insigne

Davvero di cattivo il gesto dei tifosi viola che assistevano al match di ieri sera tra Fiorentina e Calcio Napoli. Sugli spalti del Franchi è apparso, infatti, uno striscione rivolto a Lorenzo Insigne con la scritta: “Che ore sono?”. Ovviamente l’ irrispettoso sfottò che i tifosi viola hanno voluto scagliare contro l’azzurro  fa riferimento alla vicenda di pochi giorni fa che ha coinvolto lo stesso Insigne. Il calciatore partenopeo, infatti, è stato vittima di una rapina nel quartiere Vomero mentre era in compagnia della moglie e di alcuni amici.

Ecco lo striscione:

1456846130_206
Fonte: Calcionapoli24.it

Oltre alla vicenda particolare è tirato in ballo un fastidioso luogo comune, molto di moda nel Nord Italia, ovvero quello secondo il quale a Napoli si deve per forza di cose rimanere vittima di scippi e rapine. Stereotipi duri a morire nonostante i dati statistici dicano palesemente il contrario. Stando ai dati Istat regioni come Lazio, Veneto e Lombardia registrano molti più furti e rapine rispetto alla Campania.

Raffaele Auriemma dal suo profilo Facebook ha contribuito a fornire dati che sfatano questi luoghi comuni ed ha continua la sua “battaglia” contro tutti quelli che cercano in ogni modo di screditare la città di Napoli. Il noto giornalista ha, infatti, fornito una lista di tutti gli altri (numerosi) casi in cui calciatori sono stati vittime di rapine e furti (ovviamente nelle altre regioni d’Italia) volendo sottolineare come questi episodi fanno rumore soltanto quando avvengono nella città di Napoli.

Ecco il post:

//

Per rinfrescare la memoria a quanti ancora oggi associano i furti e le rapine alla città di Napoli. Voi che sparlate a…

Pubblicato da Raffaele Auriemma su Domenica 28 febbraio 2016

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più