Sarri: “E’ stata scritta una cosa falsa, Hamsik è insostituibile. Lo faccio uscire perché…”

Mauruzio Sarri risponde alle domande nella conferenza stampa di presentazione della prima partita della fase a gironi di Champions, accompagnando le parole di Arek Milik al suo fianco. Sarri parte subito da una precisazione, sul silenzio stampa:

“E’ stata scritta una cosa falsa, il silenzio stampa è stato voluto dalla società ed io da dipendente mi sono adeguato”.

Poi si commentano le parole di Raiola che vede Sarri separarsi dal Napoli a giugno:

Via da Napoli? Mi trova lui la squadra (ride, ndr), è una supposizione sua basata su qualche sua conoscenza del mercato, ma io in questo momento è l’ultima cosa a cui penso. Giocare in Champions è una soddisfazione enorme, poi abbiamo tante partite affascinante. Qui c’è da pensare partita per partita, non a giugno”.

Si passa finalmente all’analisi dell’avversario:

“Lo Shakhtar è una squadra forte, poco conosciuta in Italia, ma abituata a fare la partita. Ha giocatori offensivi molto tecnici, attaccano con molti giocatori, i due terzini sono costantemente in attacco. La squadra ci costringerà a difendere bassi, ci metterà in difficoltà e può venire fuori una gara che ci consentirà opportunità. E’ una gara difficile, diversa da quella con la Dinamo Kiev”. 

Sul cammino europeo:

“La prima è sempre condizionante per i match successivi. E’ una gara più che importante, in un girone difficile. Nella quarta fascia abbiamo preso la più forte, il Feyenoord, e poi c’è il City che non ha bisogno di presentazioni come pericolosità. Lo Shakhtar poi ha qualità tecniche elevatissime, è un girone non semplice”.

Sulle difficoltà nelle ultime due partite di campionato:

E’ il terzo anno che giochiamo così, non credo dipenda dalla conoscenza del Napoli. Non credo neanche sia un salto di qualità, a me piace comunque giocare bene per 90′ e non per 40′ o 50′. Abbiamo trovato maggiore solidità difensiva nei momenti difficili, poi se passiamo quel momento andiamo anche a fare risultato con i colpi davanti che abbiamo. Non sono molto soddisfatto di quanto visto nelle ultime due gare, le abbiamo messe a posto ma così in futuro ci rimetteremo le penne”.

Su Hamsik:

“Per me è insostituibile, la capacità di giocare tra le linee che non ha nessuno dei nostri centrocampisti. Per questo esce tutte le partite, è l’unico modo per farlo riposare ma averlo sempre a disposizione. Quando un fuoriclasse ha un momento poco brillante io lo faccio giocare e lo supporto ancora di più, solo così mi potrà dare il 101%”

Potrebbe anche interessarti