Video. Milik e Albiol trascinano il Napoli contro la Sampdoria ed è record di punti

Nell’ultima trasferta del campionato il Napoli stende la Sampdoria al Ferraris. In una partita utile solo per aggiornare le statistiche, la squadra di Sarri conquista il record di punti, superando quello affermato nella scorsa stagione di 86. Decisivi per gli azzurri i colpi vincenti di Milik e Albiol che hanno messo la firma su un’ottima prestazione partenopea. Da segnalare, però, i soliti cori discriminatori che hanno spinto l’arbitro a sospendere il match per quattro minuti. Prossimo ed ultimo match in casa con il Crotone, in cerca di punti salvezza.

LA PARTITA

Il primo tempo si apre subito con l’arbitro che annulla il tap-in vincente di Mertens, su calcio d’angolo di Callejon. La decisione sembra alquanto dubbia, anche se confermata dal Var, visto che la spizzata di testa che ha favorito il belga sembra essere di un giocatore doriano e non di Albiol, come sostenuto dalla squadra arbitrale. Il Napoli, però, tiene il pallino del gioco e al 13′ cerca il vantaggio con Insigne che si vede respingere un tiro a giro da Belec. Dopo quattro minuti Belec si oppone ancora, ma stavolta strozza l’urlo in gola ad Albiol che ha colpito di testa sugli sviluppi di corner. Al 23′ ci prova Zielinski con un mezzo esterno, ma il portiere blucerchiato, che ha preso il posto di Viviano, infortunato durante il riscaldamento pre-partita, si è fatto trovare nuovamente pronto. La squadra di Sarri gioca bene, soprattutto sulla sinistra con uno scatenato Insigne, in campo con una vistosa fasciatura alla testa per una ferita subita dopo uno scontro fortuito con Praet. Al 37′ la Sampdoria cerca di farsi vedere, approfittando di un errore in disimpegno di Jorginho, ma Koulibaly mette fine al tentativo dei padroni di casa con un intervento preciso. Nel finale la squadra di Giampaolo può usufruire di un calcio di punizione da buona posizione, ma Koulibaly manda in calcio d’angolo, sugli sviluppi del quale Ferrari svetta su tutti e colpisce la traversa. In campo non succede più nulla e la prima frazione di gioco si chiude a reti bianche.

Il secondo tempo vede subito pericolosi i padroni di casa che con Praet ci tentano dalla distanza, ma Reina riesce a bloccare in due tempi. Gli azzurri rispondono prima con Insigne, che manda di poco a lato un tiro a giro da fuori area, e poi con Mertens, che vede fermare la sua deviazione sul primo palo da Andersen. Al 60′ Kownacki ci tenta dalla distanza, ma una grande occasione capita sui piedi del solito Insigne che tutto solo davanti a Belec, dopo uno scambio veloce con Mertens, si fa fermare. Al 66′ Hamsik, alla sua presenza 500 in maglia azzurra, viene mandato in campo al posto di Callejon. Al 69′ tenta di cambiare qualcosa anche Giampaolo che si afida all’ex azzurro Zapata. In campo succede poco, il gioco è molto spezzettato e Sarri ne approfitta per mandare in campo anche Milik al posto di Mertens. Proprio il polacco, al 62′, sblocca il risultato con un gran tiro a giro da fuori area che si infila nell’angolino e non lascia scampo a Belec. Al 75′ l’arbitro sospende la partita per il perpetuare dei cori contro Napoli e i napoletani. Alla ripresa, dopo quattro minuti, Insigne tenta il raddoppio da fuori area, ma questo invece arriva con Albiol che di incrocia di testa e batte Belec. La partita si fa nervosa anche in campo, ma il risultato non cambia e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi dopo sei minuti di recupero.

Sampdoria – Napoli 0-2

[youtube height=”360″ width=”100%”]https://www.youtube.com/watch?v=rlimjLa5ytA[/youtube] [youtube height=”360″ width=”100%”]https://www.youtube.com/watch?v=1ucPolTYnCA[/youtube]

Potrebbe anche interessarti