Sondaggio antibufala del Napoli, l’Ordine dei Giornalisti: “Pensino al calciomercato”

De LaurentiisIl Calcio Napoli cinguetta, l’Odg ruggisce: di mezzo le bufale. Nulla a che fare, però, col circo o con lo zoo, e nemmeno con le sagre estive di paese. Si tratta, invece, dell’ennesimo scontro tra il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis e gli organi di stampa, ancora una volta attaccati e sbeffeggiati dalla società calcistica del capoluogo campano, a cui l’Ordine dei Giornalisti della Campania ha risposto per le rime.

Il Napoli è ossessionato dal mondo dell’informazione. Ormai non sanno più cosa inventarsi. L’ultima trovata, quella su una vera bufala, delegittima una società che in queste ore dovrebbe pensare a rinforzare la squadra, anziché giocare con i social“. Questa la nota dell’organo a tutela dell’informazione campana in risposta al sondaggio lanciato ieri su Twitter dal club partenopeo:

Un cinguettio dove appaiono nomi e cognomi di giornalisti e nomi delle stesse testate per cui lavorano i colleghi, una pubblicazione social apparsa un vero e proprio attacco al mondo dell’informazione, volto a screditare il lavoro non solo dei professionisti tirati in ballo, ma di tutto l’Ordine, appunto. Proprio per questo l’Odg Campania ha deciso di prendere una dura posizione contro il sondaggio lanciato dal Napoli, ritenendo quantomeno inopportuno tale modo di approcciarsi agli organi di stampa, tenuti ovviamente ad avvicinarsi il più possibile alla verità.

Il sondaggio voluto da De Laurentiis appare, invece, un modo nemmeno troppo implicito per smascherare quelle che secondo il produttore cinematografico sono delle vere e proprie bufale, delle fake news create maliziosamente ad arte per vendere giornali o attirare quanti più like possibili sui social.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più