Herculaneum sul velluto col Casalnuovo

Herculaneum-Casalnuovo

Tutto facile per l’Herculaneum al cospetto dell’Ardor Casalnuovo, sconfitto con un netto 5-1. I granata, reduci dal primo mezzo passo falso del campionato in quel di Casagiove, entrano in campo con la voglia di riscattarsi davanti al proprio pubblico e così ipotecano la partita già nella prima frazione di gara, grazie ad un 4-0 senza storia. Nel finale del secondo tempo poi le reti conclusive.

Quella iniziale arriva già al 2′ con un’azione insistita dei ragazzi allenati da mister Squillante: cross di un ispiratissimo Pianese, tiro di Caso Naturale rimpallato da un difensore ospite, nuovo tentativo da parte di El Ouazni e palla sotto la traversa. La squadra va, invece, sotto la tribuna. La festa, però, è appena cominciata. Al 12′ il bomber dell’Herculaneum prova subito il bis, ma il suo tiro al volo da posizione defilata sulla trequarti riesce solo a sfiorare l’incrocio più lontano. Va meglio a Pianese al 21′, quando dopo una splendida serpentina nella zona sinistra dell’area ospite scaraventa un preciso diagonale nell’angolino opposto per il 2-0. Il match è idealmente chiuso qui, ufficialmente lo chiude invece Gatta al 27′: Caso Naturale apre per El Ouazni, passaggio al centro e tap-in del metronomo granata. La terza segnatura non appaga, però, la squadra di casa, che al 31′ va due volte vicino al poker: prima Tufano e poi Caso Naturale si vedono, infatti, respingere il proprio colpo di testa sulla linea di porta, rispettivamente da un difensore e dal portiere. La prima conclusione ospite arriva solo al 43′, con una punizione di Siciliano deviata in angolo dall’attento Ferrieri. Non può nulla, invece, l’estremo difensore dell’Ardor Casalnuovo su tiro ravvicinato di El Ouazni, che si ritrova tra i piedi un pallone calciato da Costantino al limite dell’area. E’ la rete che manda le squadre negli spogliatoi.

Al rientro l’Herculaneum continua a dominare il gioco, ma affonda un po’ meno palla al piede, così i primi pericoli per Sollo arrivano per lo più dai calci piazzati o dalla distanza. Pronti via e Caso Naturale scalda subito le mani al numero uno avversario con un gran sinistro dal limite: sulla respinta El Ouazni reclama a gran voce un calcio di rigore, ma si becca solo un giallo per simulazione. Al 51′ è Pianese a rendersi pericolo, con un colpo di testa che esce di poco. Stessa sorte anche per un’altra conclusione di Caso Naturale dai 25 metri. Ci prova addirittura da 35 metri, invece, Salvati, che al 58′ fa prima un sombrero a centrocampo e poi lascia partire un gran destro al volo che termina poco distante dal legno. L’Herculaneum continua ad attaccare ma il pokerissimo sembra stregato. Nemmeno il colpo di testa di Costantino, sugli sviluppi di un angolo, trova la porta. Per poco non la trova, invece, Salvati con una punizione addirittura da 60 metri appena un minuto dopo. Ancora un altro giro di lancette più tardi è Gatta a riprovarci, ma il suo sinistro dal limite viene deviato in angolo da una gran parata di Sollo. Ottima anche la chance capitata sui piedi di Caso Naturale al 75′, su assist di Tufano, ma il portiere mette una pezza anche in questo caso. Quando sembra che la partita debba chiudersi con lo stesso punteggio del primo tempo, però, ecco che giunge il 5-0: tiro potente di Falanga dal limite che, complice una deviazione avversaria, si infila nell’angolino alla sinistra del portiere. Chiude definitivamente i conti Colesanti al 92′, per il 5-1 finale.

Un risultato che permette all’Herculaneum di mantenere la testa della classifica nonostante le concomitanti vittorie di Savoia e Portici.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più