Giancarlo Magalli “il napoletano”: 30 pizze sospese per i più bisognosi

Gincarlo Magalli-Pizza Sopsesa

Quando si parla di grande cuore, sembra sempre che si parli dei napoletani e non lo diciamo per vanto o scarsa modestia, ma semplicemente perché chi nasce a Napoli, automaticamente, riceve un dono speciale alla nascita: l’altruismo.

A Napoli, non importa se sei ricco o povero, ci sarà sempre chi “sta peggio”, e va aiutato come meglio si può. Fortunatamente l’altruismo partenopeo, in molti casi può rivelarsi contagioso e così anche chi non ha reali origini napoletane, può lasciarsi trasportare dalla bontà. E’ ormai una storia conosciuta, quella che riguarda la famosa abitudine del “caffè sospeso”, quella gentilezza che anticamente veniva fatta, e in alcuni bar ancora oggi, dove una persona paga una sorta di acconto, per un caffè da offrire a chi purtroppo pur desiderandolo non può permetterselo.

Con il tempo, la tradizione del caffè sospeso, fortunatamente non è scomparsa come tante altre, bensì si è evoluta, allargando i propri orizzonti e in alcuni casi anche modernizzandosi. Ricorderete sicuramente l’iniziativa tutta popolare del “biglietto sospeso”, il ticket di viaggio per autobus e metro, lasciato tra le fessure dei muri della città, per farlo utilizzare ad altre persone, come sicuramente è indimenticabile l’iniziativa della “pizza sospesa”, riproposta da Gino Sorbillo, e imitata in tutto il mondo, fino a Philadelphia, così come in molte pizzerie di Napoli.

Tra le tante pizzerie che ripropongono l’iniziativa, c’è anche la Pizzeria Oliva da Concettina ai Tre Santi, che già da diverso tempo sostiene l’iniziativa solidale. Recandosi qui, è possibile contribuire lasciando una pizza pagata per chi non può permetterselo, un gesto che gonfia il cuore di chi riceve, ma molto più quello di chi lo compie. L’altruismo contagioso sembra aver colpito anche un volto noto della TV, Giancarlo Magalli, che in compagnia di Francesco Paolantoni, dopo essersi lasciato trasportare dalla pizza, prelibatezza tutta partenopea, ha deciso di contribuire all’iniziativa della pizza sospesa, pagandone ben 30.

Un gesto che non solo farà bene a chi potrà usufruirne, ma che rende anche l’idea della grande bontà d’animo di un uomo di spettacolo.

Potrebbe anche interessarti