“‘Na mamma”: la poesia di un lettore siciliano che omaggia così Napoli

Mamma e figlio

La mamma, quante volte vorremmo trovare le parole giuste per descrivere una figura tanto straordinaria e fondamentale, nella vita di ognuno di noi? Ogni volta però le parole sembrano essere troppo poche o addirittura troppo poco importanti per poter omaggiare quella donna che nel cuore di ogni figlio, sempre e a prescindere da tutto, avrà il ruolo di una regina.

La mamma accudisce con amore, soffre in silenzio se un figlio sta male o gioisce allegramente per i successi, è la prima sostenitrice di qualsiasi iniziativa che il figlio decida di intraprendere e l’ultima a smettere di crederci anche quando il figlio stesso perde fiducia in sè stesso. La mamma è quella donna capace di trasformare una fetta di torta in tre porzioni uguali per accontentare tutti i figli, è quella donna che di notte si alza per controllare se dormi serenamente, e non importa quanti anni hai, la mamma sarà sempre la mamma.

Difficile rendere omaggio ad una donna così straordinaria, che nella nostra vita troppe volte, sa scegliere anche di stare dietro le quinte facendosi comunque trovare sempre pronta ad agire in caso di bisogno, difficile ma non impossibile, per riuscirci infatti, basta scegliere di far parlare il cuore. Questo è quello che un lettore di VesuvioLive.it ha fatto, scegliendo di omaggiare la mamma, con parole in rima, scrivendo una poesia in lingua napoletana, pur essendo lui siciliano.

Ecco di seguito la poesia di Dario Di Marzo da Palermo:

‘Na Mamma

‘Na mamma é comme ‘na foglia ‘o vient, é fragile, s’adda tené fort fort, se po spezzá, tant ammore s’adda rá.

‘Na mamma é chella ca te sceta ‘a matin, chella femmena ca sul tu saje ca nun te po tradì, e stai lá, mentre ess pens a stirá, e ad alluccá pe nu sbagl ca o frate toje ha fatt giá.

‘Na mamma é fort, te vo bene, te scarf ‘a notte ma nun se ver’ , mentre stai durmenn, essa é chell ca te ven accarezzá.

‘Na mamma s’adda rispettá e nu ciur ogni tant le se po regalá, a che sta donna ca ghiorn pe ghiorn se lev o pan pe to dá e pe te fa criscir fort e san.

‘Na mamma s’adda fa cuntent, essa ten ‘e sentimient, e tu, o figl’ suoje nun le a ra delusion, ma sul emozion, e si chiagn, le asciuttá chill’ uocchie ‘nfuse e cu nu vas e na carezz asciutt tutt cos.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più