Un gigante che dorme in pieno centro. La street art campana si guarda dall’alto!

"Come smettere di succhiarsi i pollici" di Ella & Pitr
“Come smettere di succhiarsi i pollici” di Ella & Pitr

Gli artisti francesi Ella e Pitr sono compagni di vita e di lavoro, insieme hanno rivoluzionato l’idea di street art: i loro graffiti, mastodontici e curatissimi, possono essere ammirati principalmente osservando dall’alto la città. Così, i loro “uomini addormentati”, soggetti principali degli artisti, riposano sui muri dei palazzi, sulle strade delle città e sui palazzi, colossali, placidi e colorati. Una peculiarità che mette in contrapposizione il caos, la confusione e il disordine delle grandi città, con il calmo abbandono dei giganti, quasi a far sentire in colpa il nostro mondo troppo rumoroso di disturbare un simile riposo.

Un Comune in provincia di Salerno, Quadrivio in Campagna, potrà adesso vantare un’opera unica di Ella e Pitr. L’iniziativa è partita dall’associazione “a.Dna project” per “Urban Area open spaces” in collaborazione con l’amministrazione di Campagna, per svegliare le coscienze di tutti quelli che sanno solo lamentarsi, criticare e scaricare la responsabilità su altri:”L’uomo addormentato, soprannominato Eros, mostra “Come smettere di succhiarsi i pollici” ed iniziare a cambiare davvero qualcosa, attivandosi e non restando passivi – dichiarano gli organizzatori di Urban Area Open Spaces – Cambiare non solo esteticamente o superficialmente, ma impegnarsi nel rendere il luogo in cui viviamo adatto alle nostre esigenze, senza delegare altri per farlo, senza aspettare che qualcun altro risolva i problemi: svegliarsi ed alzarsi dal torpore è un dovere di ogni cittadino. Recuperare ed “abitare” davvero il proprio quartiere e la propria città è un inizio di non poco conto”.

Per realizzare “Eros” gli artisti hanno impiegato quattro giorni e hanno usato vernice acrilica. Il gigante riposa su ben 3600 mq, in piazza Angeli della Strada, conosciuta come piazza del mercato. Nemmeno la scelta del luogo è stata casuale, ma simbolica, come spiegano i promotori del progetto:“ha stravolto non solo l’estetica della piazza, ma anche l’idea che in quella piazza non ci potesse essere altro che il mercato del lunedì e nel resto della settimana un parcheggio spesso territorio dei vandali”. Così il gigante addormentato riposa sulla monotonia di una piazza con l’unico scopo di svegliarla, di destare tutti dal torpore che affligge il nostro tempo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più