Il gioielliere di Ercolano racconta la rapina. Spunta il terzo complice

 

Polizia

Le forze dell’ordine sono alla ricerca di un probabile terzo complice dei due rapinatori, Bruno Petrone e Luigi Tedeschi, che hanno perso la vita ad Ercolano tentando di rubare 5000 euro a Giuseppe Castaldo, il quale attualmente è indagato per omicidio colposo per eccesso di legittima difesa. Secondo il racconto del gioielliere di Ercolano a Ilmattino.it, le dinamiche sono state rapidissime: «Ho avuto paura, quando uno dei due rapinatori, accortosi che ero armato, ha premuto il grilletto della sua pistola che si è inceppata. È stata una frazione di secondo, ho avuto timore di essere ucciso ed ho preso la pistola per poi sparare». Effettivamente, Castaldo aveva con sé una pistola.

C’è, tuttavia, il sospetto che l’arma dei rapinatori fosse caricata a salve, ma queste informazioni tecniche, assieme ai risultati dell’autopsia, verranno poi analizzate e confermate dal medico della procura Antonio Cavezza e dalla tossicologa Angela Silvestre.

Il terzo complice dei due assassinati sarebbe un basista, il quale avrebbe seguito Castaldo dal momento del prelievo al Banco di Napoli fino al deposito di bibite di via Alveo, nel quale è avvenuta la tentata rapina con annesso omicidio. Le telecamere della banca hanno infatti registrato la presenza di un uomo, di corporatura robusta, che avrebbe seguito, con gli occhi, il gioielliere in ogni suo movimento.

La gioielleria è al momento chiusa poiché la massiccia presenza dei giornalisti non è gradita ai familiari di Castaldo, il quale ha dovuto, in questi giorni, sottoporsi a visite mediche in una clinica privata, per disturbi di ansia e agitazione.

Proprio ieri il figlio del commerciante ha lasciato una brevissima dichiarazione alle reti pubbliche nazionali, affermando che è dispiaciuto per le due persone che hanno perso la vita, ma soprattutto per suo padre, il quale, dopo una vita intera di sacrifici e lavoro, è stato anche protagonista di una tragedia del genere che, sicuramente, segnerà il resto della sua vita.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più