Grande successo per Futuro Remoto: in 130.000 a Piazza Plebiscito

futuro remoto

E’stato un successo Futuro Remoto, la grande festa della scienza giunta alla sua 29 esima edizione e tenutasi per la prima volta a Piazza Plebiscito a Napoli. Oltre 130.000 visitatori sono accorsi in piazza per partecipare alla manifestazione.

Oggi la mattinata dedicata alle scuole. Alle 11.00 i piccoli delle elementari hanno buttato giù l’ultimo pezzo del muro installato in piazza, per combattere contro tutti i muti della conoscenza, del sapere e del diritto allo studio.

Sul palco sono interventi l’Assessore Regionale all’Istruzione Lucia Fortini, il Prof. Claudio Rolle della Pontificia Università del Cile, il prof. Luigi Mascilli Milgiorini strorico dell’Università degli Studi di Napoli l’Orientale e Angela Orabona, Responsabile del Polo Qualità dell’Ufficio Scolastico Regionale.

Il programma di conferenze si è concluso con due grandi ospiti, Stefano Boeri, architetto creatore del “bosco verticale” e Michel Foucher, geopolitico, docente all’ Ecole Normale Superierure di Parigi.

Il successo di questo Futuro Remoto è una prova della forza del lavoro di squadra. La ventinovesima edizione di Futuro Remoto è stato un progetto corale di cui Città della Scienza, l ‘Università degli Sudi di Napoli Federico II e l’Ufficio Scolastico Regionale infatti sono stati solo il nodo di una rete vastissima con 6 università della Campania e oltre 400 soggetti tra centri di ricerca, dipartimenti, asociazioni e ed esperti. Questo successo dimostra il vero ruolo di Napoli, fatto di innovazione cultuta e lavoro, un messaggio della cità alla politica che spero che vanga raccolto” ha dichiarato Vincezo Lipardi, Consigliere Delegato di Città della Scienza.

Potrebbe anche interessarti