Video. Rupert Everett al rione Sanità: “Napoli è una città straordinaria”

Rupert Everett

Rupert Everett ha scelto, tra i set, anche Napoli per girare il suo prossimo film: “The Happy Prince” (“Il principe felice”), il quale racconterà la vita di Oscar Wilde.

E, in vista delle riprese, l’attore britannico negli ultimi giorni, ha passeggiato per le strade della città, la quale non gli era sconosciuta; dichiara, infatti, nel video di Repubblica, che trova Napoli fantastica ed è stato particolarmente colpito dal rione Sanità, per il quale girava con disinvoltura, in uno stile casual molto lontano dall’avvenenza delle star; con un soprabito nero, scarpe ginniche e barba incolta arriva, ieri, verso le 15.30 a palazzo De Liguoro per un drink con Paola De Liguoro, diretta discendente di Sant’Alfonso e organizzatrice di eventi culturali sul territorio. Le riprese del film, di cui sarà regista, sceneggiatore ed interprete (nei panni di Wilde), inizieranno ad agosto e comprenderanno un cast d’eccezione, quasi tutto inglese: Colin Firth, Emily Watson, Miranda Richardson e Tom Wikinson.

Lo scrittore anglosassone, icona della letteratura internazionale, visitò la città partenopea nel 1897, assieme al suo compagno Aldred Douglas; pertanto Napoli e i suoi vicoli antichi, di notte velati da una rara malinconia, daranno alla pellicola quell’atmosfera  dark, tipica dei romanzi dell’epoca.

Dopo il drink al palazzo, Everett visita una scuola di formazione teatrale del rione, guidata da Ettore Nigro e Massimo Maraviglia, in collaborazione con Anna Marchitelli. Qui, nell’ “Asylum Anteatro ai Vergini e Teen Theatre” chiacchiera a lungo con allievi e insegnanti, osservando il laboratorio e le locandine sui muri. Dice loro che, a dicembre, vorrebbe esserci per il loro prossimo spettacolo “Studio intorno all’anima strabordata di un certo signor Faust”.

Rupert Everett è affascinato e sempre meravigliato da Napoli, parla un italiano fluente e promette, mentre corre via per prendere l’aereo che lo riporterà a Londra, al pizzaiolo di Concettina ai Tre Santi, che la prossima volta, non lontana, farà una foto con lui.

Lo scorso giugno, sul Corriere del Mezzogiorno, lo stilista Francesco Scognamiglio, in un’intervista raccontò come nacque la conoscenza con l’attore inglese, la sua prima esperienza a Napoli e il suo rapido innamoramento per la città e le sue contraddizioni: «Ha soggiornato in una villa a Posillipo — racconta lo stilista — Appena arrivato mi ha chiesto dove poter comprare un materasso giusto per le sue esigenze. Poi ha visto, e si è innamorato, di Palazzo d’Avalos ed è rimasto conquistato dalla Gaiola. Ha fatto giri nel battello trasparente, visitato la villa dei misteri e il parco archeologico».

I due sono ancora ottimi amici anche se li separa Madonna: ex migliore amica di Everett, con il quale ha litigato ma cliente di Scognamiglio, il quale per lei ha disegnato vari capi.

Napoli, ti ruba il cuore, dopo gli occhi.

Potrebbe anche interessarti