Napoli indecorosa? Arriva l’hashtag che diventa virale

 

napoli indecorosa.5

Il Consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, in collaborazione con Gianni Simlioli con “radiazza”, lancia #StopSputtaNapoli, una campagna diventata virale che intende porre fine alla speculazione mediatica che sempre di più accresce la negatività dell’immagine di Napoli; è un appello ai napoletani e a chi ama Napoli, invitandoli a fotografarsi con lo sfondo degli scenari della nostra città.

“Continuiamo a fotografarci per ricordare a Giletti e a tutti i professionisti dello SputtaNapoli quanto sia indecorosa Napoli” le parole del consigliere napoletano, il quale aggiunge “ormai fotografarsi con uno degli splendidi sfondi offerti da Napoli, come suggerito da Vincenzo Sinagro, sta diventando una moda virale”.

L’intervento di Massimo Giletti, in effetti, ha sottolineato quello che è il comportamento, anche verbale, di numerosi personaggi pubblici, i quali fomentano, da anni, stereotipi insani della nostra città. E’ stata come la goccia che fatto traboccare il vaso della pazienza insomma, dei napoletani tutti: afferma Emilio Borrelli: “Siamo consapevoli che ci sono tante cose che non vanno bene e vanno migliorate, ma far passare Napoli come una città indecorosa è davvero insostenibile”.

napoli indecorosa. 3

Inoltre riferendosi al conduttore della Rai, continua su Radiazza“D’altronde, non è difficile trovare una location dove rendere ridicole le parole di Giletti che, invece, di scusarsi, continua ad arrampicarsi sugli specchi per difendere l’indifendibile, quando basterebbe ammettere che ha perso le staffe, come gli capita spesso, e ha offeso Napoli e i napoletani. (…) non si può parlare male di Napoli e dei napoletani se si conoscono davvero la città e i suoi abitanti”.

Del resto, basta pensare alle personalità pubbliche, che, seppur non partenopee, sono rimaste estasiate dai colori e gli odori della città, scegliendo Napoli come sfondo indiscusso delle loro foto social: Ozpetek, recentemente, dichiarando di voler girare un film a Napoli, ha pubblicato su instagram varie foto della città, nei suoi molteplici punti di vista; ancora, Rupert Everett, immortalato mentre passeggiava per il rione Sanità, proprio durante il sopralluogo per il suo prossimo fil su Oscar Wilde che vede Napoli tra i set selezionati. E di esempio se ne potrebbero fare numerosi. Tuttavia, sono numerose, purtroppo, anche le persone che non riescono a scrollarsi da dosso lo schematismo culturale nel quale sono recintate, il quale impone loro pregiudizi e conseguenti discriminazioni.

O, forse, possederne fa ancora troppo comodo.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più