Video. Ressa per il ritiro delle borse di studio, c’è un ferito. Ecco dove ritirarle ora

Ressa

Polizia antisommossa. Uomini che cercano di scavalcare i cancelli che delimitano l’edificio. Urla. Insulti.

Non è uno scenario di guerra intestina, ma il degenero di una fila in banca. Per la precisione, al Banco di Napoli della Galleria Principe, il quale rappresenta lo sportello della Tesoreria comunale. Tale sede era stata indicata come l’unica a cui fare riferimento per la liquidazione delle borse di studio relative alle scuole statali.

La presenza massiccia delle persone recatesi in banca per ricevere l’importo delle borse in questione, ha creato file allo sportello insostenibili, la quali si sono prolungate fino fuori l’edificio bancario. Quando gli utenti si sono resi conto che arrivare allo sportello sarebbe stato quasi impossibile per l’orario di chiusura, allora hanno insistito per entrare. La confusione ha fatto si che intervenissero le forze dell’ordine e durante il loro intervento si sono verificati, inoltre, incidenti che hanno portato alla contusione testicolare di uno dei cittadini presenti.

LEGGI ANCHE
Più autobus in vista di Napoli-Juventus: ecco orari e destinazioni

A denunciare gli episodi infelice di questa mattina, Gianni Simioli e Francesco Enrico Borrelli su Radiazza, in onda su Radio Marte: “E’ assurdo che, considerando che oltre diecimila persone erano interessate al pagamento dei contributi scolastici risalenti anche a quasi dieci anni fa, non si sia previsto un metodo di riscossione diverso dal rivolgersi a un’unica filiale bancaria dove, tra l’altro, stamattina sarebbe stato aperto un solo sportello. Una disorganizzazione e una approssima allucinante degna di dilettanti allo sbaraglio” , hanno commentato i conduttori radiofonici.

La ressa in questione è stata paragonata ad una fila da terzo mondo, inaccettabile per una città europea che può adoperare svariati modi per far fronte ai pagamenti:

LEGGI ANCHE
La luce del Plebiscito finalmente risplende

“Possibile che nessuno abbia pensato di accreditare le somme su conti correnti o carte prepagate per evitare queste resse da terzo mondo?” continuano, infatti, ad argomentare i due di Radiazza.

(Clicca sul player per far partire il video)

E solo dopo aver procurato disagi pubblici, interventi della polizia e un ferimento, il Comune ha risposto alle esigenze cittadine, pubblicando un annuncio sulla pagina ufficiale, il quale informa su ulteriori sedi del Banco di Napoli messe a disposizione “per dare risposta ai numerosi cittadini che a seguito di una lettera del Servizio Diritto all’Istruzione si sono concentrati presso gli sportelli della Tesoreria comunale per ritirare il contributo denominato Borse di studio”.

Le seguenti filiali, pertanto, sono disponibili per il ritiro delle borse di studio:

  1. Napoli,  Via Toledo 177
  2. Napoli, Corso Umberto I° 167
  3. Napoli, Via Riviera di Chiaia 131
  4. Napoli Ag. 91, Centro Direzionale Lotto 2 B
  5. Napoli 90,  Viale Augusto
  6. Napoli 89,Via P.ssa Margherita 61
  7. Napoli, Via Marina 20
  8. Casoria, Via Pio XII
  9. Napoli,  Via Merliani
  10. Napoli 17,  Piazza Bagnoli
  11. Napoli 22 Piazza degli Artisti
  12. Napoli 35,  Via Fragnito
  13. Napoli 36,  Via Epomeo
  14. Napoli 40, Via Pansini
  15. Napoli 42,  Via Manzoni
  16. Napoli 44,  Via Catena
  17. Napoli 45,  Via Cardarelli
  18. Napoli 12,  Corso Secondigliano
  19. Napoli 19, Via Foria
  20. Napoli 37,  Via Nazionale delle Puglie
  21. Napoli 39, Piazza Cenni
LEGGI ANCHE
Video. Anche a Castellammare di Stabia sono Happy!

 

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’))

Potrebbe anche interessarti