Truffe dei dirigenti Eav: danno erariale di 7 milioni

Pasquetta alle porte incubo per chi viaggia in Circumvesuviana

Le ultime indagini della Guardia di Finanza hanno smascherato sperperi dei vertici dell’amministrazione dell’Eav, la holding regionale che gestisce Circumvesuviana e Cumana, per un danno alle casse della Regione Campania di oltre 7 milioni di euro. Secondo quanto riporta il Corriere del Mezzogiorno, le Fiamme Gialle, dirette dal pubblico ministero contabile Marco Catalano, hanno scoperto numerosi incarichi pluriennali di consulenza professionale rivelatisi completamente inutili, un vero e proprio spreco di risorse economiche.

Emblematico il caso dell’amministratore unico Rizzardi che, nonostante ricevesse già dalla società una lauta pensione per il suo passato da dirigente, si era auto attribuito un incarico della durata di 8 anni che prevedeva le medesime mansioni che lo stesso già svolgeva in veste di amministratore unico col solo intento di percepire un ulteriore compenso. Oppure l’assunzione di un nuovo direttore generale, aggiunto ad hoc con la scusa di una carenza nell’organico.

Uno scandalo che ha coinvolto ben otto dirigenti della holding campana, ma dal quale, Umberto De Gregorio, presidente dell’Eav, prende le distanze:Si tratta di fatti degli anni antecedenti al 2013, di cui sono informato solo parzialmente, in quanto le indagini si sono svolte e concluse prima del mio insediamento avvenuto il 27 luglio 2015 negli anni precedenti vi sono stati comportamenti leggeri in termini di consulenze e di spesa. Lavoriamo con grandissima attenzione alla spesa, cercando di generare comportamenti virtuosi all’interno dell’azienda e con i fornitori dell’azienda”

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più