Universiadi 2019 a Napoli, sblocco immediato di 20 milioni di euro

Universiadi

E’ Napoli la città scelta dalla Fisu, Federazione Internazionale degli Sponsor Universitari, per le Universiadi estive del 2019. Si tratta di una manifestazione sportiva, equiparabile ai giochi olimpici, alla quale prenderanno parte studenti universitari provenienti da ogni parte del mondo. La notizia, giunta direttamente da Bruxelles, è che la Fisu abbia dato il suo primo benestare alla candidatura di Napoli in seguito alla valutazione delle varie candidature avanzate.

L’ex sindaco di Salerno e attuale presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato lo sblocco immediato di 20 milioni di euro da destinare alle Universiadi del 2019 a La Gazzetta dello Sport: “Ristruttureremo impianti a Napoli e in tutta la regione, ci sarà un’occasione di rilancio mondiale per la città. Si tratta di un risultato straordinario che ci impegna per i prossimi tre anni e per il quale dovremo essere all’altezza della sfida“.

In occasione delle Universiadi del 2019 si prevede l’arrivo a Napoli di oltre 15.000 persone tra atleti, organizzatori e addetti ai lavori. Una grande occasione, dunque, particolarmente apprezzata anche dal Sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha dichiarato a La Gazzetta dello Sport: “L’assegnazione delle Universiadi 2019 a Napoli e alla Campania è una prova evidente che la città è ritornata in testa a livello internazionale, sia per quanto riguarda la credibilità che la capacità attrattiva di eventi importanti“.

Quattordici le discipline sportive oggetto delle Universiadi 2019: atletica, basket, scherma, calcio, ginnastica artistica, ginnastica ritmica, judo, nuoto, immersioni, pallanuoto, tennis da tavolo, taekwondo, tennis e pallavolo. Il Villaggio sarà allestito nell’area ex Nato, a Bagnoli, mentre le gare si svolgeranno alla Mostra d’Oltremare, nei pressi dello stadio San Paolo.

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, ha dichiarato: “Il nostro territorio ha vinto perchè abbiamo già gli impianti sportivi e le strutture ricettive adatte a ospitare circa 15mila atleti e le delegazioni e tifoserie dagli altri paesi, che saranno composte da decine di migliaia di persone. Dal punto di vista economico, quindi, l’evento avrà pochissimi costi per le amministrazioni locali. Ci sarà invece un indotto economico e di immagine notevole per l’intera regione, se si aggiunge che la permanenza di ogni atleta sul nostro territorio è a carico del paese di provenienza come ovviamente sarà anche quella per le delegazioni accompagnatrici, gli allenatori, gli staff tecnici e le tifoserie“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più