La Valle delle Ferriere vicino Amalfi: un angolo di paradiso quasi sconosciuto

Torre dello Ziro. Foto: B&B Torre dello Ziro, Ravello
Torre dello Ziro. Foto: B&B Torre dello Ziro, Ravello

Appena sopra ad Amalfi c’è un angolo di paradiso ancora non troppo esplorato e frequentato: è la Valle delle Ferriere che si può raggiungere direttamente dalla Costiera senza uno sforzo eccessivo, anche se occorre una buona ora a piedi per arrivare in una zona incontaminata, ricca di cascate e percorsi d’acqua che mantengono il clima piacevole anche d’estate.

Un percorso che si può intraprendere da Pontone, frazione di Scala con i ruderi della chiesa di Sant’Eustachio risalente al XII secolo e da cui si ammira la Torre dello Ziro, che domina Amalfi e Atrani. Seguendo il torrente Canneto si entra in una valle stretta tra le cime del Monte Campanaro, del Monte Cervigliano, del Monte Rotondo e del Monte Ciavano, tutti superiori ai 1.000 metri d’altitudine. Una riserva naturale che in passato ha ospitato una ferriera, con il metallo che arrivava ad Amalfi direttamente dall’Isola d’Elba.

Il sentiero parte da Pontone passando per i vicoli del centro e i tipici archetti sotto le case nei quali sono in mostra oggetti domestici d’epoca. Dopo un buon cammino si arriva alla riserva vera e propria ricca di vegetazione unica come la Woodwardia radicans, una specie di felce scoperta dal botanico Pier Antonio Micheli nel 1710. Ma ci sono anche la Salamandra pezzata, oppure piante carnivore come la Pinguicola hirtiflora.

Sulla strada del ritorno si passa accanto ai ruderi di vecchie cartiere, quelle che hanno reso celebre in tutto il mondo la carta di Amalfi. Infine un tratto pietroso, tra muretti e agrumeti, per rientrare ad Amalfi.
Per accedere alla riserva è indispensabile contattare in anticipo il Centro Visite del Corpo Forestale dello Stato, a Pontone. Il percorso si può raggiungere dalla statale 163 Amalfitana fino al bivio per Ravello salendo fino all’incrocio per Pontone. Da nord percorrendo la A3, si esce ad Angri e dopo 20 km si raggiunge Pontone. In alternativa esistono i mezzi pubblici che fermano a Ravello o Amalfi.

Per maggiori informazioni consultare il sito ufficiale dell’Ente Parco Regionale dei Monti Lattari.

Potrebbe anche interessarti