De Magistris: “Da domani sarò già a lavoro: sarò il sindaco di chi soffre tanto”

De Magistris

Si è conclusa poco fa la conferenza stampa di Luigi de Magistris, riconfermato a sindaco di Napoli con un plebiscito di voti. “Non si potrà mai dire che de Magistris ha avuto il sostegno della stampa e dei giornalisti, noi non avevamo neanche i soldi per la campagna elettorale“, sono state le parole a caldo del primo cittadino partenopeo.

La nostra vittoria significa non avere nessun sostegno dai 5 stelle, anzi ci sono stati contro dall’inizio“, parlando del suo risultato ringrazia i napoletani: “Il 67% siete voi, nessuno ha dato una mano. Il risultato è del popolo, Napoli l’unica esperienza italiana in cui la gente assume il ruolo di movimento politico“.

E’ un forte segnale e chiasso, rumoroso. La cifra dell’astensione è alta, però consideriamo che è estate e che si votava solo di domenica e poi molti pensavano che già avessi vinto. La mia vittoria non è voto di protesta, ma quello di chi ha votato“. E su Palazzo San Giacomo in festa, invaso da persone che cantavano “Bella Ciao”: “Vedere migliaia di giovani assumersi il ruolo di protagonismo politico è straordinario. Mai come in questa città c’è stato un movimento giovanile forte“.

E sugli avversari: “Lettieri ha dipinto una città crollata, morta, degli inferi. E’ stato sconfitto“. “Ora sarò sempre più vicino alla città alle persone, noi saremo gli amministratori degli ultimi, di quelli che soffrono ancora tanto. Napoli è la città con più giustizie locali e meno diseguaglianze“.

Luigi de Magistris parla del futuro e di come è già al lavoro per migliorare le cose: “Noi saremo già a lavoro da domani, il nostro obiettivo: darò continuità amministrativa. Decideremo insieme al popolo tutto: ruoli, responsabilità , governance, ecc… Lo faremo insieme a chi ci ha votato“.

I problemi sono tanti. Napoli diventerà una soggettività politica autonoma“, ha concluso il sindaco di Napoli.

Potrebbe anche interessarti