Arriva “Rei”, sussidio per famiglie povere: si può ottenere fino a 480 euro

Poveri

Si chiama Rei, ovvero “reddito di inclusione“, e riguarderà oltre 400.000 famiglie con minori per quasi 1,8 milioni di persone. Un sussidio per quelle famiglie con bambini in povertà assoluta. Il Rei si sostituirà al Sia, l’attuale Sostengo per l’Inclusione Attiva, e sarà definitivamente attuato in autunno.

La platea di chi ha diritto a questo sussidio – spiegano tecnici del ministero del Lavoro – è quella delle famiglie con figli minori, disabili, donne in gravidanza e over 55 disoccupati in condizioni di disagio, il cui reddito e patrimonio non dovranno superare una soglia che sarà definita a breve.

Secondo i primi numeri, il sussidio dovrebbe arrivare al massimo intorno ai 480 euro al mese: vale 80 euro a componente fino a un massimo di 400 euro ma sarà esteso fino a 480 euro in caso di madre single con quattro figli. Il Rei può essere esteso fino a 18 mesi, con possibilità di rinnovo.

Dal ministero spiegano che “il tratto innovativo della misura è che la condizione di bisogno non è identificata solo nel reddito”. Inoltre, la misura è rivolta alle famiglie di italiani residenti ma anche a quelle degli stranieri con il permesso di lungo soggiorno.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più